come pulire gli asparagi

Gli asparagi sono un ortaggio molto pregiato dal punto di vista alimentare.
La parte commestibile è rappresentata dalla cima tenera e carnosa dei polloni, dove si inseriscono piccole brattee.
Il  93% dell’asparago è costituito da acqua, i 7%  restante è costituito  da protidi, lipidi (in piccolissima misura) glicidi, cellulosa e da 0,65% di sali minerali.
Compaiono sui mercati a tarda primavera.
Dopo un’attenta pulitura si possono cucinare in varie maniere: al vapore, al microonde, in pentola a pressione, rosolati in padella o nell’apposita asparagiera.
In questo tutorial ti do alcune indicazioni su come pulire gli asparagi, evitando di avere meno spreco possibile.
La tecnica è molto semplice, e con un pelapatate può essere anche divertente eliminare la parte esterna più dura.
Non sempre è chiaro invece quanta parte del gambo sia da scartare per rendere l’asparago meno coriaceo, ma esiste un trucchetto che ti spiegherò più avanti.

come pulire gli asparagi

Strumenti

  • coltello
  • pelapatate
  • tagliere

Istruzioni su come pulire gli asparagi

  • asparagi lavaggio

    Lava gli asparagi sotto l’acqua corrente per eliminare tutta la terra, eventualmente lasciarli in ammollo per un po’ e sfregarli bene con le mani.

  • asparagi taglio

    Poni gli asparagi su di un tagliere e taglia la parte legnosa bianca.

    Per evitare di togliere più del necessario si devono fare delle prove: quando il coltello affonda bene si taglia altrimenti si prova un po’ più sù.

  • asparagi eliminazione parte esterna con pelapatate

    Elimina la parte superficiale con un pela patate

  • Ora gli asparagi sono pronti per essere utilizzati

  • A questo punto a seconda della ricetta possiamo lasciare gli asparagi interi, legarli a mazzetti con spago da cucina, e cuocerli nell’asparagera o in una pentola stretta.

    Oppure tagliarli a tocchetti con l’accortezza di  tagliare la cime per utilizzarle, una volta cotte, come decorazione del piatto.

    Va ricordato che la cima dell’asparago, essendo più tenera, va cotta per minor tempo, possibilmente al vapore. Per questo motivo nell’asparagera va lasciata fuori dall’acqua.

    Gli asparagi selvatici essendo molto teneri, a differenza degli altri, possono essere cotti, una volta lavati bene, senza essere spellati.

Sul mio blog potrai trovare diverse ricette con gli asparagi qui te ne indico alcune. Clicca sull’immagine per vedere le istruzioni.

vellutata di asparagi vellutata di asparagi

crespelle con asparagi speck e brie crespelle con asparagi speck e brie

risotto agli asparagi e prosciutto crudo risotto agli asparagi e prosciutto crudo

tagliatelle paglia e fieno con asparagi e prosciutto tagliatelle paglia e fieno con asparagi e prosciutto

spätzle con asparagi speck e robiola spatzle con asparagi speck e robiola

Pubblicato da gineprinacucina

Mi chiamo Daniela, Gineprina è solo un nome di fantasia e più avanti vi spiegherò il perché di questo nome. Vivo a Genova, la mia città natale, amo la mia Liguria, con il suo mare e le sue colline e amo cucinare e gustare i piatti della tradizione ligure. Sono un architetto che di mestiere fa di tutto fuorché l’architetto, precaria a vita ho per fortuna mille passioni e interessi, fra queste anche quella di cucinare e raccogliere ricette che mi ispirano, per poi sperimentarle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.