fiori di zucchine in pastella

I fiori di zucchine in pastella sono uno stuzzichino goloso al quale non si può dire di no.
Ogni volta che compro le zucchine coi fiori belli freschi, per non buttarli, mi viene voglia di farli in pastella, anche perché occorre veramente poco tempo e pochissimi ingredienti.
Il procedimento che ti vado a spiegare ovviamente è valido anche per i fiori di zucca, che sono molto simili ai primi sia come sapore che come aspetto, anche se un po’ più grandi.
Ti faccio qui una raccomandazione, usa i fiori di zucchina o di zucca solo se molto freschi, al massimo il giorno dopo la raccolta, quando hanno ancora un bel colore acceso altrimenti diventano amari.
Come pastella puoi scegliere tra quella semplice all’acqua, meglio se gassata, oppure quella alla birra, che donerà alla frittura un gusto particolare o ancora quella con lievito di birra per ottenere una frittella più gonfia.
Oggi ti lascio le dosi della pastella all’acqua, ma se vuoi puoi trovare le altre varianti e maggiori consigli cliccando qui.
Una volta presa la pratica non occorrerà nemmeno più pesare gli ingredienti, ma ad occhio si capirà quando l’impasto avrà raggiunto la giusta consistenza.
Regole basi per una buona riuscita di questa frittura sono:
lasciare riposare l’impasto per almeno mezz’ora, non aggiungere il sale che andrà spolverizzato solo alla fine, fare asciugare bene i fiori prima di immergerli nella pastella.
Importante sarà anche la scelta dell’olio, meglio se di semi, e della padella, meglio se antiaderente.

fiori di zucchine in pastella
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione15 Minuti
  • Tempo di riposo30 Minuti
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 10fiori di zucchine
  • 200 gfarina 00
  • 250 mlacqua gassata (fredda di frigo)
  • q.b.sale (da spolverare solo a fine frittura)
  • 1/2cipolla bianca (facoltativa)

per friggere:

  • olio di semi

Preparazione

preparazione della pastella:

  1. pastella per frittura

    Metti gli ingredienti in una ciotola e mescola energicamente con una frusta in modo da non lasciare grumi.

    L’acqua gassata deve essere freddissima, per avere un prodotto finale asciutto e croccante.

    NON aggiungere sale.

    Lascia riposare la pastella per una mezz’ora.

pulitura dei fiori di zucchina:

  1. Stacca i fiori dalle zucchine.

    Taglia i fiori alla base con un coltello per eliminare il pistillo.

    Lava i fiori sotto l’acqua corrente e stendili su di un canovaccio per farli asciugare.

    Taglia i fiori in due o più parti se vuoi frittelle non troppo grandi.

se vuoi frittelle più saporite:

  1. Taglia mezza cipolla a fettine e poi per l’altro verso in modo da ottenere dei piccoli cubetti di 5 mm per lato.

fasi finali:

  1. Metti i cubetti di cipolla nella pastella e mescola (questo passaggio è facoltativo)

    Aggiungi i fiori di zucchine, pochi per volta.

    Ricorda che prima di immergerli nella pastella i fiori devono essere ben asciutti.

    Rigira i fiori in modo da fare attaccare bene la pastella da tutte le parti.

  2. Scalda abbondante olio di semi in padella.

    Quando avrà raggiunto la temperatura di 170-180° immergi i fiori di zucchina ad uno ad uno aiutandoti con un cucchiaio.

    Lascia colorire per bene la tua frittura da tutte le parti, rigirando le frittelle con una forchetta o con una pinza.

    Scola la frittura aiutandoti con una schiumarola e ponila su di un piatto rivestito da carta assorbente.

consigli:

Se vuoi provare altri tipi di pastella per la tua frittura clicca qui

conservazione:

Ti consiglio di consumare i fiori di zucchina in pastella ancora caldi, ma se ne dovessero avanzare li potrai riporre in frigo e riscaldare leggermente in forno il giorno dopo.

altre idee con le zucchine:

zucchine in pastella le zucchine in pastella

frittelle di zucchine le frittelle di zucchine

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da gineprinacucina

Mi chiamo Daniela, Gineprina è solo un nome di fantasia e più avanti vi spiegherò il perché di questo nome. Vivo a Genova, la mia città natale, amo la mia Liguria, con il suo mare e le sue colline e amo cucinare e gustare i piatti della tradizione ligure. Sono un architetto che di mestiere fa di tutto fuorché l’architetto, precaria a vita ho per fortuna mille passioni e interessi, fra queste anche quella di cucinare e raccogliere ricette che mi ispirano, per poi sperimentarle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.