crostini con cipolle di tropea caramellate

Era da un po’ di tempo che volevo preparare i crostini con cipolle di tropea caramellate, esattamente dallo scorso inverno, quando li ho assaggiati ad un buffet in casa di una mia amica.
Semplicissimi da preparare i crostini con cipolle di tropea caramellate sono un finger food davvero stuzzicante.
La qualità delle cipolle consigliata è quella di tropea per il loro gusto delicato e perché più facilmente digeribili rispetto alle altre cipolle.
Per caramellarle occorrerà un po’ di attenzione, ma questo sarà l’unico passaggio un pochino più lungo.
Occorrerà inoltre un filoncino di pane, che volendo puoi anche preparare tu, come ho fatto io, per rendere ancora più invitante e personale il tuo piatto. La ricetta base per la pasta di pane la trovi qui.
Per ottenere il contrasto dolce salato ho spalmato sui crostini un formaggio tenero che ho ricoperto con un cucchiaio abbondante di cipolle caramellate.
Questo è il modo più semplice e veloce per preparare i tuoi stuzzichini, ma con la fantasia puoi ottenere molte varianti, ad esempio aggiungendo salumi, creme vegetariane, ma anche tonno o salmone.

crostini con cipolle di tropea caramellate
  • DifficoltàBassa
  • CostoEconomico
  • Tempo di preparazione10 Minuti
  • Tempo di cottura25 Minuti
  • Porzioni20 pezzi
  • Metodo di cotturaFornello
  • CucinaItaliana

Ingredienti per le cipolle di tropea caramellate:

  • 2cipolle rosse di Tropea
  • 1 cucchiaiozucchero
  • 1 cucchiaioaceto balsamico
  • 1 pizzicosale
  • 30 golio extravergine d’oliva

altri ingredienti:

  • 1filoncino di pane
  • 100 gformaggio fresco spalmabile

Preparazione delle cipolle di tropea caramellate:

  1. Pulisci le cipolle di tropea e mettile a bagno per qualche minuto.

    Tagliale a fettine sottili.

    Metti in padella l’olio e fallo scaldare.

    Aggiungi le cipolle, il cucchiaio di zucchero, il cucchiaio di aceto balsamico e un pizzico di sale.

    Fai cuocere a fuoco basso per 25-30 minuti circa rimescolando spesso.

    Se occorre aggiungi poca acqua durante la cottura.

    Lascia raffreddare.

Preparazione delle cipolle di tropea caramellate con il bimby:

  1. Pulisci le cipolle di tropea e mettile a bagno per qualche minuto.

    Tagliale a fettine sottili.

    Metti l’olio extravergine d’oliva nel boccale.

    Aggiungi le cipolle tagliate, lo zucchero, l’aceto balsamico e un pizzico di sale.

    Fai andare a 100° C. per 25 minuti, antiorario velocità 1.

    Trasferisci in un piatto e lascia raffreddare.

Preparazione dei crostini:

  1. Taglia a fettine di 2 cm. il filoncino di pane.

    Nel mio caso essendo un po’ largo l’ho diviso ancora in due parti.

    Spalma su ogni fetta un cucchiaino abbondante di formaggio spalmabile.

    Unisci un cucchiaio di cipolle di tropea caramellate.

    Se vuoi prima di servirli in tavola puoi passarle i crostini farciti per qualche minuto sulla griglia per rendere il pane più croccante.

conservazione:

Le cipolle di tropea caramellate si conservano in frigo riposte in un vasetto di vetro per alcuni giorni.

suggerimenti e idee:

Prova ad aggiungere sui crostini una fettina di salame o di pancetta per rendere lo stuzzichino ancora più goloso.

consigli per l’acquisto:

Quando acquisti le cipolle di tropea scegli bulbi sodi e privi di germogli, con la parte esterna secca e senza macchie.

4,9 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da gineprinacucina

Mi chiamo Daniela, Gineprina è solo un nome di fantasia e più avanti vi spiegherò il perché di questo nome. Vivo a Genova, la mia città natale, amo la mia Liguria, con il suo mare e le sue colline e amo cucinare e gustare i piatti della tradizione ligure. Sono un architetto che di mestiere fa di tutto fuorché l’architetto, precaria a vita ho per fortuna mille passioni e interessi, fra queste anche quella di cucinare e raccogliere ricette che mi ispirano, per poi sperimentarle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.