Crea sito

marmellata di limoni fatta con il bimby

Dal mese di febbraio fino all’inizio estate qui in Liguria, come altrove,  gli alberi di limone sono belli carichi di profumati frutti e tutti gli anni riesco a recuperarne almeno un mezzo chilo  per farne una squisita marmellata.

La prima volta che mi sono apprestata a fare la marmellata di limoni avevo il timore che risultasse troppo amara per i miei gusti,  ma con alcuni accorgimenti, che mi sono stati suggeriti, e che spiegherò nel corso della descrizione, ho ottenuto un ottimo risultato.

Si tratta di una marmellata che rimane piuttosto compatta infatti, nonostante i limoni siano molto succosi, contengono una gran quantità di pectina che, come sappiamo, è un ottimo addensante.

 

marmellata di limoni fatta con il bimby
  • Preparazione: 20 Minuti
  • Cottura: 50 Minuti
  • Difficoltà: Molto facile
  • Porzioni: 1 vasetto
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • 500 g Limoni
  • 400 g Zucchero

Preparazione

  1. Pelare a vivo i limoni ed eliminare il più possibile la parte bianca amara, i semi e le pellicine.

    Tenere da parte la scorza tagliando solo la parte gialla.

    In un pentolino mettere un po’ d’acqua portare a bollore e fare cuocere le scorzette per 5 minuti in modo da eliminare ulteriormente l’amaro.

    Tagliare a listarelle e tenerle da parte.

    Mettere nel boccale del bimby  i limoni e far andare 10 secondi a velocità 5.

    Aggiungere lo zucchero e far andare 40 minuti 100° vel. 2.

    Togliere il coperchio aggiungere le scorzette e far andare ancora per 10 minuti 100° vel. 2.

    Se la marmellata sembra un pochino liquida non temete,  raffreddandosi rassoda molto.

    Invasare calda chiudere il barattolo e girare a testa in giù fino al raffreddamento.

    Dopo un po’ controllare il tappo: non deve fare clic clac.

    In caso contrario  far bollire i barattoli in un tegame capiente per circa 30 minuti, con il tappo rivolto verso l’alto e coperti con acqua fino a metà barattolo.

    Se la confettura  si conserva in frigo e si intende consumarla nel giro di qualche giorno si possono evitare gli ultimi passaggi.

Note

Per una corretta preparazione delle conserve fatte in casa rimandiamo alle linee guida del Ministero della Salute.

Se questa ricetta ti è piaciuta continua a seguirmi sulla mia pagina facebook Gineprina in cucina per restare sempre aggiornato sulle novità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.