La zuppa di Santa Lucia (‘a ‘mmisca)

La zuppa di Santa Lucia ( ‘a ‘mmisca)

Ogni anno è tradizione nel mio ridente paesino che in occasione del 13 dicembre si prepari la zuppa di Santa Lucia, in vernacolo ‘a ‘mmisca di Santa Lucia.

E’ un piatto alquanto povero che ha radici antiche, io ne ho memoria fin da bambina, quando in occasione del 13 dicembre arrivava zia Carmela con questi tegami stracolmi di legumi cotti: fagioli bianchi e scuri, ceci, lenticchie e granturco o mais bianco coltivato sui nostri terrazzamenti. Tutto cucinato separatamente e rigorosamente sul fuoco o utilizzando la stufa a legna… Oggi zia è un pò anziana e questa zuppa la prepara sia la mia mamma che mia suocera e le persone un pò più attempate che ne rammentano la bontà…

Anche quest’anno si saranno armate di santa pazienza e la prepareranno come ogni anno e fin quando non passeranno il testimone a noi giovani donne, a cui toccherà portare avanti la tradizione…

Io non mi tirerò certo indietro e fisso qui, in questo spazio, una tradizione piena di amore che vorrei i miei figli non dimentichino mai…zuppa di Santa Lucia

Ingredienti per una zuppa di Santa Lucia abbondante:

  • 1 kg di granturco o mais bianco
  • 1 kg di fagioli cannellini secchi
  • 700 gr di ceci secchi
  • 500 gr di fagioli borlotti secchi
  • 200 gr di lenticchie
  • 3 spicchi di aglio
  • due coste di sedano
  • 2 cucchiai di bicarbonato di sodio
  • sale qb

Preparazione:

La preparazione della zuppa di Santa Lucia è semplice ma lunga, un pò per la cottura e un pò per l’ammollo.

La prima fase è quella dell’ ammollo dei legumi presenti nella zuppa di Santa Lucia.

Bisognerà partire tre giorni prima della cottura per mettere in ammollo il mais bianco. Basterà metterlo in una ciotola capiente, coprire con dell’acqua fredda e cambiare l’acqua ogni 12 ore.

La sera prima della cottura, invece, occorrerà mettere a mollo in acqua fredda e in recipienti separati,  i fagioli bianchi, i borlotti e i ceci.

La fase di ammollo non sarà necessaria per le lenticchie per le quali si passa direttamente alla cottura.

La seconda fase è quella della cottura dei legumi presenti nella zuppa di Santa Lucia.

Vi consiglio di accingervi alla cottura dei legumi e del mais di mattina, in quanto richiederà un bel pò di ore. Naturalmente ciascun tipo di legume e il mais andranno cotti separatamente dagli altri.

Andiamo per ordine, cominciando con la preparazione alla cottura del mais bianco.

Scoliamo il mais dall’acqua di ammollo e versiamoci sopra i due cucchiai di bicarbonato, rimestiamo e lasciamo riposare per una trentina di minuti. Dopo questo passaggio risciacquiamo bene i legumi e mettiamo a cuocere in una pentola con una quantità di acqua pari al triplo del volume del mais iniziale. La pentola deve essere molto capiente, in quanto in cottura il mais triplicherà se non quadruplicherá addirittura il suo volume. Per la cottura del mais occorreranno all’ incirca 4/5 ore.

Contemporaneamente si provvederà alla cottura dei legumi. Anche in questo caso occorrerà scolare dall’ acqua ciascuna tipologia di legume. In questo caso l’ utilizzo del bicarbonato è facoltativo, renderebbe solo più veloce la cottura, per cui decidete voi se usarlo o meno. Se decidete di usarlo, naturalmente, il procedimento è lo stesso utilizzato per il mais. Ponete ciascun tipo di legume in una pentola abbastanza capiente da contenere almeno tre volte il volume iniziale dei legumi a cottura terminata e coprendoli con acqua pari al doppio del volume iniziale. Il tempo di cottura per i fagioli bianchi o cannellini, per i fagioli scuri o borlotti e per i ceci sarà di circa due ore o tre. Le lenticchie, invece, non solo non dovranno essere messe in ammollo ma la cottura avverrà in un’ oretta circa.

Una cosa davvero importante durante la cottura dei legumi e del mais, è che se dovesse mancare acqua in cottura non dovrà essere aggiunta acqua fredda ma solo dopo che ha raggiunto il bollore… Altrimenti i legumi si induriscono e non cuociono più… Quindi occhio!La zuppa di Santa Lucia

Una volta cotti tutti i legumi e il mais bisogna assemblarli tutti insieme e dar vita alla zuppa di Santa Lucia, o come l’ho sempre chiamata io, ‘a ‘mmisca per poi gustarla come meglio si crede…

La mia zuppa di Santa Lucia sarà soffritta con aglio e peperoncino e gustata con delle buone bruschette di pane casereccio gluten free…La zuppa di Santa Lucia

E così si sente il Natale nel cuore!!!

                                                                                             by Annagaia

 

 

 

 

 
Precedente Coni di sfoglia senza glutine Successivo Cannolo fritto senza glutine