Crea sito

Impasto pizza tonda perfetta da fare in casa – 24 ore di maturazione

Impasto pizza tonda perfetta da fare in casa – 24 ore di maturazione

La quarantena non può finire senza che io abbia scritto nel blog la ricetta dell’impasto pizza tonda perfetta da fare in casa.

In realtà custodisco questa ricetta da diversi anni, e l’ho fatta tantissime volte perchè mi ha svoltato il modo di fare la pizza tonda in casa, permettendomi di ottenere un risultato buono e versatile. Nonostante ciò è semplice e se si organizzano bene i tempi, è possibile prepararla senza troppi sforzi.

Un pizzaiolo della Nazionale Italiana Pizzaioli di cui non ricordo davvero il nome, ma con il quale ho lavorato durante una fiera, gentilmente mi donò questa ricetta e il relativo procedimento e nonostante ne abbia provate altre, questa rimane sempre per me la migliore.

E’ ovvio che al giorno d’oggi, soprattutto durante questa quarantena tanti pizzaioli espertissimi e super bravi hanno postato le loro ricette e i loro consigli per ottenere la pizza perfetta (e secondo me sono tesori inestimabili) però ci tengo a scrivere qui anche la mia ricetta perché è capitato tante volte che mi è stato chiesto come preparo l’impasto pizza tonda perfetta da fare a casa e non avevo mai scritto qui il procedimento! Inoltre questo è un impasto diretto, che non prevede la preparazione di una biga o di una pre fermentazione: è sicuramente una versione semplificata per fare la pizza tonda in casa ma vi darà tante soddisfazioni!


Impasto pizza tonda perfetta da fare in casa – 24 ore di maturazione – Ingredienti per 8 pizze

500 g di farina manitoba
500 g di farina 00
600 g acqua a temperatura ambiente
5 g di lievito di birra fresco (se  usate il secco ne serve una puntina di cucchiaino)
20 g olio di oliva extravergine
20 g sale fino
1 cucchiaino di zucchero
farina di semola quanto basta per spolverizzare

Impasto pizza tonda perfetta da fare in casa – 24 ore di maturazione – Procedimento

Io sono solita impastare a mano, ma vi avviso che 1 kg di farina in totale da impastare a mano è un pò faticoso. Se avete l’impastatrice tanto meglio, altrimenti provateci e se avete bisogno di aiuto non esitate a chiamarmi!

Come vi dicevo, l’essenziale per questa ricetta è l’organizzazione dei tempi. Io vi do la mia organizzazione dei tempi per impastare la pizza un giorno prima e mangiarla la sera dopo alle 21.

giorno 1 ore 17 – impasto

Impastare in una ciotola prima le farine con acqua lievito olio e zucchero. Solo quando l’impasto avrà preso forma, aggiungete il sale continuando ad impastare, sbattendo l’impasto e lavorandolo come per fare delle “pieghe” portando la pasta dall’esterno verso il centro. Potete trovare contenuti interessantissimi in merito sul blog Profumo di lievito  di Adriano, uno dei miei principali ispiratori per quanto riguarda le basi e gli impasti.
Quando l’impasto sarà formato, liscio e omogeneo, porre in frigo a lievitare nella ciotola coperta da pellicola fino alle ore 16 del giorno dopo.

giorno 2 ore 15

tirare l’impasto fuori da frigo, lasciandolo coperto con pellicola

giorno 2 ore 16 formatura dei panetti

una volta che l’impasto ha riposato un pò a temperatura ambiente si può procedere a formare i panetti.

Capovolgere l’impasto dalla ciotola sulla spianatoia e preparare della farina di semola. Questa vi servirà per maneggiare i panetti e spolverizzarli per non farli attaccare, e darà anche un tono di croccantezza all’impasto.

Dividere l’impasto in parti uguali, dovrebbero essere 8 pezzi da 250 g circa l’uno. Stagliare i panetti con una spatolina tagliente senza trattarli troppo male. Formare i panetti lavorando la pasta per farla diventare liscia e omogenea, portando sempre i lembi esterni verso il centro, aiutandovi se necessario con un pò di farina di semola. Coprire gli 8 panetti spolverizzati di farina di semola con uno strofinaccio pulito e lasciar riposare così a temperatura ambiente.

giorno 2 ore 20
Preriscaldare il forno alla massima temperatura, mettendo la grata sul livello più basso e appoggiando sopra la pietra refrattaria, io uso questa che ho comprato su amazon e con la quale mi trovo molto bene. Il mio forno ha la funzione pizza che ne ottimizza la cottura, ma se non l’avete potete impostarla su ventilato. Predisponete già anche un’alta teglia del forno sul livello più alto e fate preriscaldare così.
Iniziate poi a stendere le pizze, se siete poco preparati a questo argomento potete stenderle su carta forno invece che sul piano cosparso di semola. Anche io stessa sicuramente devo migliorare la tecnica!
Se volete gustarvi la pizza insieme al resto dei commensali, potete stenderle tutte su dei fogli separati di carta forno, in modo poi da poter aspettare seduti a tavola che si cuociano una per volta.
Una volta che il forno ha raggiunto la temperatura, cospargete la pizza di pomodoro e infornatela sulla pietra, sul livello più basso del forno per circa 7 minuti (attenzione perchè il tempo dipende molto dal vostro forno!).
Passato questo tempo, aprire il forno e cospargere la pizza con il resto degli ingredienti che vorrete utilizzare compresa la mozzarella o provola o scamorza. Fatelo velocemente perchè altrimenti il forno rischia di perdere temperatura.
Spostare la pizza al livello superiore, aggiungendo la seconda pizza da cuocere al livello più basso sulla pietra.
Dopo pochi minuti (nel mio ne bastano 4 circa) sfornare la prima pizza, aggiungere un filo d’olio e gustare ben calda!
Come sapete io amo i lievitati, e sebbene non ci siano altre ricette di pizza sul blog, presto spero di riuscire ad aggiungere anche quella per la pizza in teglia (molto simile a questa ma con alcuni accorgimenti differenti). Potete però trovare l’impasto per le pizzette da buffet (un altro dei miei must!).

Print Friendly, PDF & Email


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.