Crea sito

Torrone cioccolato e amarene

torrone cioccolato e amarene senza glutine

Torrone cioccolato e amarene senza glutine

Una delle mie tante versione del torrone dei morti il torrone cioccolato e amarene senza glutine è una golosità per il palato… Una tradizione napoletana che ripeto di anno in anno in occasione della festa di Ognissanti e dei morti per poter realizzare in versione gluten free un torrone morbido dai vari gusti arricchito di frutta secca o di frutta candita che rimane morbido per giorni e si mangia fette… La prossima versione sarà quella del torrone al pistacchio e quello alla cassata… Avete già l’acquolina in bocca dite la verità!torrone cioccolato e amarene

Ingredienti per il torrone cioccolato e amarene senza glutine:

  • 150 gr di cioccolato fondente
  • 150 gr di crema alla nocciola tipo Nutella
  • un cucchiaio di liquore tipo cherry
  • un cucchiaio di sciroppo di amarene
  • 100 gr di amarene
  • 200 gr di cioccolato fondente per il rivestimento

Occorrente:

  • Stampo da 15 cm di lunghezza, 8 cm larghezza e 8 cm altezza

Preparazione del torrone dei morti senza glutine con cioccolato amarene e cherry:

La preparazione del torrone cioccolato e amarene senza glutine non è così difficile come sembra, basterà procedere per fasi.

Innanzitutto procedete con la preparazione del cioccolato fondente che occorre per la copertura.

In un pentolino sciogliete a bagnomaria 150 g di cioccolato fondente. Una volta che si è sciolto oleate leggermente lo stampo in cui preparerete il torrone e spalmatelo con il cioccolato fuso aiutandovi con un pennello facendo uno strato sottile. Mettete il contenitore rivestito di cioccolato fuso in frigo a raffreddare per circa 30 minuti. Trascorso questo tempo, fate sciogliere il restante cioccolato fondente e spennellate con un altro strato di rivestimento il contenitore, sempre aiutandovi con un pennello.

Il rivestimento del torrone non dovrà essere troppo spesso ma neanche sottile, dovrà avere la consistenza giusta che permetterà poi di custodire il torrone.

Nel frattempo che il cioccolato fondente di solidifica iniziate a preparare la parte interna del torrone.

Nello stesso pentolino usato in precedenza sciogliete a bagnomaria il cioccolato fondente, facendo attenzione che l’acqua non tocchi il fondo del pentolino. Una volta sciolto aggiungete la crema di nocciola a temperatura ambiente e mescolate bene.

Aggiungete lo cherry e lo sciroppo di amarene ed, infine, le amarene alcune divise a metà e altre intere.

Procedete quindi all’assemblaggio del torrone dei morti senza glutine cioccolato e amarene.

Recuperate il contenitore dal frigo e versate il composto preparato all’interno della forma, livellando bene. Riponete di nuovo il torrone in frigo e lasciate raffreddare almeno per un’oretta. Quindi ricoprite con un altro strato di cioccolato fondente fuso per sigillare la base.

Rimettete di nuovo in frigo e lasciate raffreddare per 4/5 ore o anche di più.

Trascorso questo tempo recuperate il contenitore e sformate il torrone gluten free.

Sarà molto semplice staccate i bordi di cioccolata che fuoriescono dalla mattonella e capovolgete il panetto di torrone morbido in modo da poterlo tagliare a fette ogni volta che ne abbiate voglia… torrone cioccolato e amarene senza glutine

Qualche curiosità: Da cosa deriva il nome “torrone dei morti”? In antichità il torrone rappresentava il dono che veniva offerto ai defunti nel giorno della loro commemorazione. E siccome questa festa è molto sentita a Napoli, la città è invasa da vetrine che offrono torroni di ogni gusto e fattezza… Molti sono con il glutine per cui io mi sono messa all’opera per realizzarli in versione gluten free!

                                                                                             by Annagaia

 

Pubblicato da la mia cucina gluten free

Benvenuti nel mio blog... qui troverete tante ricette tutte, naturalmente, gluten free... Ho scoperto di essere celiaca a 37 anni e da quel giorno ho fatto e rifatto tutto ciò che di commestibile i miei occhi hanno visto... non è stato facile, ma non mi sono data per vinta... oggi dopo un pò di anni dico che la celiachia non è poi così brutta come avevo pensato all'inizio! Non sono una cuoca, tutt'altro, sono un consulente finanziario... quindi tutti... con un pò di buona volontà... possono cercare di raggiungere un obiettivo: le pari opportunità in tavola!!!