Pizza Girasole, così i miei ospiti hanno battezzato questa pizza appena l’ho portata a tavola! E’ stata fatta coi fiori di zucca ripieni…una vera chicca!!

Eccola a voi

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Pizza Girasole

Certo ci vuole fantasia a chiamarla pizza girasole ma per il resto vi assicuro che è deliziosa ed è piaciuta un sacco!

Non è difficile da preparare, vanno solo farciti i fiori in anticipo e al momento di infornare si dispongono sulla pizza, 5 minuti ed è pronta. Naturalmente il ripieno è a vostro piacere, io ho farcito i fiori con ricotta, scamorza e parmigiano ma va benissimo anche la classica con acciuga e fiordilatte; ma andiamo nei dettagli con gli ingredienti…

Ingredienti:

Per l’impasto della pizza che ormai conoscete vengono quattro pizze tonde da pizzeria e questa è la dose e il procedimento.

Premessa

Io naturalmente l’ho fatta con la pasta madre ma si può benissimo sostituire con un lievitino fatto col lievito di birra per chi non possiede la pasta madre.

Ecco la spiegazione del lievitino

prendete 5 gr. di lievito di birra cioè un cubetto da 25 gr. diviso cinque e ne prendete una parte,lo impastate con 100 gr. di farina0 e 50 ml. di acqua e lo fate lievitare, al raddoppio lo usate al posto della pasta madre, non è complicato, vero?

E questi sono gli ingredienti per la pizza

100 gr. di pasta madre rinfrescata e lievitata al top

(oppure il lievitino col lievito di birra usato appena raddoppiato,circa 2 ore)

100 gr. di farina manitoba

100 gr. di semola rimacinata

400 gr. farina 0

380 ml. acqua

1 cucchiaino di malto diastatico in polvere, ma se non lo avete va bene anche un cucchiaino di zucchero

15 gr. di sale

2 cucchiai di olio, così viene più croccante, se vi piace morbida invece non mettete l’olio.

Ripieno:

200 gr. di ricotta di bufala campana

50 gr. di parmigiano grattugiato

pepe

olio

sale

100 gr. di scamorza affumicata

basilico

Procedimento:

rinfrescare la pasta madre la mattina e dopo 3 o 4 ore quando è al top della lievitazione impastare procedendo così:

Versare 350 ml. di acqua nell’impastatrice insieme al lievito spezzettato e avviare la macchina al minimo, quando il lievito si è sciolto unire le farine setacciate insieme col malto,un po’ per volta a velocità minima.

Si impasta per pochi minuti aumentando la velocità a uno fino a tre e poi si unisce il sale unendo ancora circa 30 ml. di acqua a goccia a goccia lasciando assorbire prima di unirne altra.

Ancora qualche minuto e l’impasto è pronto. Ora si può impastare un po’ a mano sbattendo l’impasto più volte sulla spianatoia(naturalmente si può fare tutto a mano se non si ha l’impastatrice).

A questo punto si chiude l’impasto in una busta di plastica e si lascia riposare circa tre ore a temperatura ambiente.( un’ora se avete usato il lievito di birra)

Passato il tempo si sgonfia formando i panetti e si chiudono in ciotoline separate e si conservano in frigo per la notte a maturare, con questo procedimento la pizza verrà più saporita e digeribile.

Questo metodo delle ciotoline lo trovo molto pratico perchè l’impasto non fa la crosta in superficie e poi essendo separate si possono infilare in poco spazio in frigo.

Il mattino dopo si lasciano le ciotoline a temperatura ambiente fino a lievitazione avvenuta,circa cinque ore,dipende anche dalla temperatura dell’ambiente.

Quelli col lievito di birra naturalmente lieviteranno molto prima.

Io d’inverno non li metto in frigo ma in un posto fresco altrimenti i tempi di lievitazione si allungano e non non sono pronte per ora di pranzo.

Quando i panetti sono belli gonfi si possono stendere spolverando con poca farina, avendo cura di schiacciare il panetto dal centro verso il bordo lasciando almeno due centimetri dell’orlo senza schiacciare così in forno si gonfierà e si formerà il cornicione.

Dopo aver steso metto la pizza su una paletta divisa al centro, 2 mezze palette in pratica, la condisco e poi è facile deporla in forno sulla refrattaria aprendo le due palette si lascia cadere delicatamente la pizza, e via in forno che ho acceso almeno 20′ prima al massimo della temperatura.

La cottura nel mio forno a gas dura circa 4 o 5 minuti, poi regolatevi col vostro forno.

I fiori li farcisco dopo aver amalgamato gli ingredienti citati lasciando cadere da una sacca col beccuccio largo e li spennello ben bene di olio, metto sulla pizza prima la scamorza affumicata tritate e poi i fiori formando il ‘girasole’ e inforno.

in uscita decoro col basilico.

Scommetto che ora volete assaggiarla, vero?

Ecco una fetta per voi!

o la volete intera?OLYMPUS DIGITAL CAMERA

4 Commenti su Pizza Girasole

    • Grazie Sonia! Il mio ospite sarà contento che il nome ti sia piaciuto!
      Alla prossima…
      Ciao, Maria

    • volentieri!
      A patto che io sporco e tu lavi…però ti avverto che quando cucino è un campo di battaglia!!!!!!!!!!!
      ahahahah

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.