Pan di panna – brioches morbidissime e soffici per giorni

Pan di panna – brioches morbidissime e soffici per giorni

Il Pan di Panna: se siete alla ricerca di una brioche dal gusto abbastanza neutro, perfetta per essere farcita, che sia consistente ma allo stesso tempo morbidissima, avete trovato la ricetta giusta!

Qualche giorno fa, sempre durante la quarantena, ho impastato i fiocchi di neve (trovate qui la ricetta), ma cosa fare con un pò di panna che mi era avanzata?

Durante queste giornate, mi sto dedicando a riscoprire la cucina e a fare ricette che avevo in mente di fare da tempo, e quindi perché non provare il Pan di Panna di Paoletta?

Chi mi conosce sa bene che adoro i lievitati e i dolci, quindi ho provato più o meno mille tipi di pan brioches diversi… questo è unico per morbidezza e rimane sempre soffice anche il giorno dopo.

Pan di panna – Ricetta

600 g di farina manitoba (oppure se non ne avete abbastanza, potete mettere metà manitoba e metà 00)
1 uovo intero
250 g di latte
100 g di panna fresca
10 g di sale
80 g di zucchero
25 g di burro
10 g di lievito di birra fresco (io sto usando il secco e ne ho messo un cucchiaino raso, non saranno stati 4 g… allungate i tempi di lievitazione e verranno benissimo ugualmente!)

1 tuorlo + 1 cucchiaio di latte per la spennellatura finale

Pan di panna – Preparazione

Preparare il lievitino con 250 g di latte leggermente intiepidito e aggiungere il lievito, far sciogliere, poi aggiungere 250 g di farina presi dal totale e mescolare (anche con una forchetta) senza impastare troppo. Siccome io avevo il lievito secco, ho aggiunto un cucchiaio raso di zucchero sempre preso dal totale. Far lievitare coperto per un’ora o un’ora e mezza.

Nel frattempo far sciogliere delicatamente il burro a fuoco basso in un pentolino o nel microonde e farlo raffreddare.

Quando il lievitino sarà pronto, aggiungere il burro fuso e fatto raffreddare e 1 uovo. Iniziare ad impastare (io ho fatto a mano ma se avete l’impastatrice farete molto prima) e aggiungere un pò di farina per formare un impasto morbido ma consistente.

Successivamente, continuando ad impastare, aggiungere un terzo della panna totale, poi 1/3 dello zucchero e 1/3 di farina. Continuare così sempre ad impastare per far assorbire tutti gli ingredienti fin quando non finiscono. Aggiungere il sale e continuare ad impastare: la massa deve essere morbida ma non appiccicosa, deve pulire le pareti della ciotola nella quale state impastando.

Far lievitare nel forno con la lucina accesa fino al raddoppio, coperto da pellicola. Il mio è stato 2 ore in forno a lievitare.

Prendere l’impasto e metterlo su una spianatoia, schiacciarlo leggermente fino a dargli forma rettangolare e fare una “mezza” piega a tre, che è molto più facile di quanto si possa pensare: basta seguire l’immagine di seguito, dividere immaginariamente l’impasto in tre rettangoli più piccoli di ugual dimensione, poi ripiegare il lato uno sul lato due, e il lato tre sul lato uno, ottenendo il risultato di cui vi metto la foto. Far riposare l’impasto così formato sotto una ciotola  capovolta sulla spianatoia.

Dopo che avrà riposato, stagliate l’impasto in pezzi di circa 75 g l’uno, stendeteli leggerissimamente con il matterello in rettangoli più piatti e arrotolateli partendo dal lato corto, inserendoli in una teglia grande foderata di carta forno ( a me sono venuti 14 panetti), distanziati tra loro.

Ricoprire la teglia con pellicola e far lievitare nel forno, fino al raddoppio. Io ho aspettato un paio di ore, finchè le brioche si sono avvicinate tra loro fino a toccarsi.

A questo punto spennellare la superficie con la mistura di tuorlo e latte e infornare nel forno caldo a 180°, finchè diventeranno ambrate. Ci vorranno una ventina di minuti a seconda del forno.

Appena sfornate saranno morbidissime ed è impossibile resistere!

 

Per la notte le ho lasciate coperte da un telo, e la mattina dopo erano ancora perfette e morbidissime, ottime con creme spalmabili e marmellate!

Print Friendly, PDF & Email


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.