Diario di un Digiuno. Potrebbe sembrare fuori luogo in un blog di cucina ma siccome ci teniamo alla nostra salute la vogliamo salvaguardare, vi pare giusto?

…e poi proprio durante questo periodo dell’anno in cui le persone si riuniscono coi familiari per ”festeggiare”…

Leggete cosa abbiamo fatto!!!

20141202_164035

Diario di un Digiuno

Naturalmente prima di intraprendere questo passo ci siamo documentati e pur non facendo un digiuno assistito da un medico abbiamo letto vari libri sull’argomento. Il nostro non è stato un lungo digiuno ma solo 3 giorni e abbiamo concordato che nel caso avessimo avuto un ”crollo” un buon piatto di pastasciutta avrebbe risolto la situazione…

Vi aggiornerò di come procedono le cose giorno per giorno in questo diario. Parlo al plurale perchè siamo stati mio marito ed io ad intraprendere questa iniziativa così singolare!  Sapete come si dice… ”due sono meglio di uno”. Io da sola certamente non ci sarei riuscita o avrei desistito dopo il primo giorno ma in due ci incoraggiamo a vicenda e funziona!!!

Qual’è lo scopo del digiuno, vi passo qualche notizie che ho appreso:

”Per vivere, abbiamo bisogno di mangiare, è innegabile. Per consumare energia, è necessario immagazzinarla, e anche questo è innegabile. Ma si commette l’errore di pensare che le buone calorie che si assumono al mattino si trasformeranno in energia fisica e intellettuale nelle ore successive. Tra le due cose, c’è di mezzo la digestione! Questa trasformazione lunga e complessa è una delle operazioni che più di ogni altra richiede energia… e si lascia dietro una massa di detriti che finiscono per accumularsi nell’organismo.

Ogni tanto, il corpo ha bisogno di una pausa. Non gli manca l’energia di riserva! Gli manca il tempo per fare pulizia! È sempre occupato a digerire… mangiamo troppo, e spesso gli alimenti sono ricchi di calorie vuote, ovvero povere di nutrimenti essenziali, piene di zuccheri che si bruciano in fretta e di grassi che il nostro organismo ha difficoltà a gestire, ad assimilare ecc. Risultato: ci intossichiamo! E come un’automobile a cui non si fa mai il controllo dell’olio, a cui non si cambiano mai i vari filtri, in cui, per giunta, si mette del carburante di cattiva qualità, invecchiamo male! Proponendo di tanto in tanto un digiuno al vostro organismo, è come se gli proponeste una super-revisione. Solo che non dovete fare nulla: è in grado da solo di “restaurarsi”, di espellere le scorie e le tossine, di riparare i tessuti danneggiati. Perciò, basta lasciarlo tranquillo, metterlo a dieta, insomma, digiunare!”

E così abbiamo pensato di disintossicarci per poi riprendere il ritmo quotidiano… col sostegno di mio marito abbiamo iniziato questi 3 giorni di completo digiuno, solo acqua e tisane… lo so state pensando: questi sono pazzi… fa male alla salute…

Intanto precisiamo che il nostro digiuno non è a scopo dimagrante ma piuttosto purificante per far riposare i nostri organi una tantum dai continui ”bagordi” a cui è sottoposto così il nostro corpo ci sorriderà e ci ringrazierà.

Ecco la cronaca di questi 3 giorni, se vi va seguite pure…

Il giorno precedente abbiamo mangiato normalmente, solo la sera siamo stati leggeri mangiando solo qualche mela.

In casa ho messo fuori portata dolcini e tentazioni varie che circolano regolarmente e preparo solo qualcosa di leggero per mia madre che naturalmente non partecipa al nostro digiuno.

La mattina del primo giorno per chi desidera saperlo, pesavo 54.200 kg. abbiamo trascorso una giornata di riposo facendo solo una passeggiata di circa mezz’ora e bevendo acqua e tisana ai frutti di bosco, senza zucchero, il pomeriggio avevo una specie di smania, non tanto di fame ma di sgranocchiare qualcosa, abbiamo pensato di metterci a vedere un bel film per non pensarci ed è stata un’ottima idea, il film ci ha presi così tanto che il pensiero del cibo non ci ha più assillati. Il film che ci ha visti entrambi in lacrime come non succedeva da parecchio è stato ”8 amici da salvare” della Disney ,fra parentesi ve lo consiglio perchè davvero toccante per chi ama gli animali. Ed eccoci arrivati a sera, mi sono lasciata andare solo a qualche briciola di biscottini mentre pulivo le teglie e che ho subito sputato ricordando che dovevo digiunare.

Per chi fosse curioso di sapere il peso stasera è 53,600

Il primo giorno è andato, siamo vivi e vegeti, senza fame…è proprio vero che se non si mangia lo stomaco si chiude e la sensazione di fame sparisce…auguratemi la buonanotte… e spero di dormire! Ciaooooooo

Eccomi svegliaaaaaaaaaaa…sono sopravvissuta al primo giorno di digiuno e volete sapere come mi sento? Benissimo, il mio stomaco non reclama per niente…

La mattina del secondo giorno il mio peso di stamattina è 53.400; inizio la giornata con una bella tisana calda mentre mio marito va a pagare le bollette…naturalmente anche oggi è una giornata all’insegna del riposo e del dolce far niente…

Mi è venuta solo una leggera voglia…ma non era proprio fame e così ho mangiato un paio di liquirizie senza zucchero anche perchè avendo la pressione normalmente un po’ bassa mi hanno aiutata a tenermi su. Per evitare di gironzolare in cucina abbiamo pensato di uscire e con la pioggia abbiamo deciso di andare a camminare all’ikea così non abbiamo preso freddo.

Al ritorno ancora tisane e niente fame, strano vero? Abbiamo visto Master chef, un riposino e poi un altro film. Questo era talmente noioso che mi sono addormentata. E’ proprio vero che se il pensiero non va al cibo concentrandosi su qualcos’altro si riesce benissimo a non mangiare perchè diciamoci la verità. molto spesso mangiamo più per abitudine …la solita routine..colazione pranzo e cena…che non per vera fame e poi per soddisfare le voglie, ditemi se siete daccordo!

Siamo arrivati alla sera del secondo giorno senza problemi, niente fame, solo una leggera smania di sgranocchiare qualcosa come era mio solito…ma resta solo un giorno, ce la faranno i nostri eroi?

stasera peso 53,300 ma tengo a ricordare che questo digiuno non è una dieta dimagrante (anche se c’è chi lo fa per dimagrire) ma 3 giorni ”una tantum” per disintossicarci

Intanto vado a dormire e domani vi aggiorno…

La mattina del terzo e ultimo giorno di digiuno mi sono svegliata con una leggera nausea e mal di testa, sintomi a detta del dottor Shelton che il corpo sta espellendo le tossine. il peso è 52,700 non ho per niente fame però devo dire che mi sento un po’ senza forze e prosegue il riposo, piccola passeggiata intorno casa e niente lavori pesanti, però ho fatto la spesa…domani si mangiaaaaaaaaaa!!!

Il terzo giorno prevede che la sera si comincia a reintegrare con un buon brodo caldo vegetale, naturalmente senza mangiare le verdure ma solo il brodo e domani le verdure le farò al forno perchè così saranno proprio appetitose.

Sono arrivata a fine digiuno perfettamente sazia…da non credere…quel brodo caldo è stato talmente confortante e corroborante pur essendo senza sale nè olio che mi sento in forze come se avessi mangiato una bella lasagna, unico sgarro fatto…non ho resistito a mangiare un pezzetto di patata lessa e me la sento ancora in gola…    mio marito invece ligio e rigido al massimo! La testa è libera e niente nausea. Peso 52,500

Buonanotte a domani!

Ed eccoci alla fine del digiuno, stamattina peso 52,100, son finite le tisane, ma questo è un giorno per riabituare al cibo l’organismo, la colazione secondo il dottore prevede prugne e albicocche secche messe a bagno in acqua con semi di lino per aiutare l’intestino. A pranzo come avevo anticipato ho messo al forno patate, carote, cipolle e pomodori con un filo d’olio e visto che ho preparato i peperoni sott’olio ne ho versati un bel po’ in teglia per dare sapore e un biscotto di grano. Per cena una bella insalata verde con qualche pomodoro e olive …un bicchiere di vino e non ci siamo fatti mancare il dolce… avevo preparato i ricciarelli qualche giorno fa!!! Insomma tutto è tornato alla normalità senza conseguenze nè effetti collaterali, pronti ad affrontare la nostra solita alimentazione. Questo percorso mi è piaciuto talmente che abbiamo pensato di ripeterlo regolarmente ogni inizio stagione, quindi all’inizio della primavera altri 3 giorni di digiuno.

Una nota per chi obiettasse per quanto riguarda a come resistere al problema della sensazione di fame che di solito si avverte. Il dottore dice che solo lo persone che riducono la razione giornaliera avvertono i morsi della fame perchè lo stomaco continua a produrre i succhi gastrici, invece se non si introduce per niente cibo lo stomaco riposa e non produce succhi gastrici. E’ proprio così… Vi assicuro che non si ha fame!!! 

Provare per credere…infatti io non mi ero mai spiegata come mai se di sera facevo un’abbondante cena poi la mattina dopo mi svegliavo affamata invece se andavo a letto senza cena la mattina dopo non avevo fame; ecco spiegato il motivo, lo stomaco a riposo non secerne succhi gastrici atti alla digestione e si riposa.

Ho imparato tanto da quest’esperienza, innanzitutto che di solito mangiamo senza avere assolutamente fame ma solo per abitudine o tradizione …ma chi l’ha detto che il nostro corpo ha bisogno di nutrirsi 3 o 4 volte al giorno? Non è forse vero che le popolazioni meno fortunate di noi che mangiano meno stanno meglio e vivono più a lungo? Appena approdano nella nostra società ”civilizzata” cominciano ad avere le nostre stesse malattie! Ma io non sono un medico e non voglio addentrarmi in questo spigoloso argomento…vi ho solo raccontato la nostra esperienza e ora vado in cucina a impastare il pandoro e il panettone nonchè il pane, il pancarrè, le ciabatte e la pizza per domani!

Ah… mi sono pesata e il giorno dopo sono di nuovo a 54,200…quindi non sono per niente ”deperita” erano solo liquidi che entravano e uscivano… infatti osservando un lungo digiuno, solo dopo il terzo giorno il corpo comincia ad attingere alle proprie riserve...altra scoperta!

Vi ringrazio per aver avuto la pazienza di seguire fino alla fine il diario di questi 3 giorni di digiuno e se per caso vi viene voglia di provare vi invito prima a documentarvi ed assicurarvi di stare bene in salute e magari essere assistiti da un dottore prima di affrontare questo percorso!

 

20141202_163928

20141202_164448

 

2 Commenti su Diario di un Digiuno

    • Si certo Dajana, così siamo pronti per la grandi abbuffate…ma di tanto in tanto un po’ di respiro ci vuole altrimenti ci si ammala davvero con tutte le cose che prepariamo!
      buonanotte cara
      ti abbracciooooooooooo <3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.