Tortelli alla Piastra Romagnoli

Oggi vi presento una ricetta di famiglia: i tortelli alla piastra romagnoli che mi ha insegnato la mia cara amica Lara. Come ben sapete mie cari lettori ogni famiglia ha la sua versione e non pretendo che la mia sia l’originale ma vi scriverò la ricetta base modificata facendone un piatto vegetariano.

Tortelli alla Piastra Romagnoli
Tortelli alla Piastra Romagnoli

Tortelli alla Piastra Romagnoli

I tortelli alla piastra romagnoli, un’antica ricetta povera, sono strepitosi e vi assicuro che se li assaggerete non potrete più farne a meno. Possono sostituire benissimo la pizza o i calzoni perchè non hanno bisogno di lievitazione e vi potrete sbizzarrire col ripieno scegliendo ingredienti di vostro gusto; intanto io vi dirò come sono stati fatti questi e aggiungerò qualche variante.

Ricetta dei Tortelli alla Piastra Romagnoli

 

Ingredienti dei Tortelli alla Piastra Romagnoli:

1 kg. di farina0 debole

1 cucchiaino raso di bicarbonato

1 pizzico di sale

3 o 4 cucchiai di strutto (io ho messo circa 100 ml di olio di semi di arachidi)

300 ml di acqua e latte circa in egual misura

 

Ripieno dei Tortelli alla Piastra Romagnoli

700 gr. di patate lesse

400 gr. di zucca lessa

una grattugiata di noce moscata

1 cipolla

rosmarino tritato

timo

olio extra vergine di oliva

sale

pepe

100 gr. di pancetta (io non l’ho messa)

50 gr. di parmigiano

100 gr. di pecorino

Procedimento:

Impastare nell’impastatrice gli ingredienti per la sfoglia per circa 10′ fino ad ottenere un panetto morbido ed elastico, se occorre ancora una cucchiaiata di farina aggiungerla e farlo riposare per circa mezz’ora chiuso in una ciotola.

Lessare le patate partendo da acqua fredda per circa mezz’ora, poi dipende dalla grandezza, spellarle, passarle allo schiacciapatate e farle raffreddare.

Infornare la zucca a fette e farla cuocere per circa 20′ finchè si intenerisce e si asciuga, in origine la quantità di patate e zucca era uguale ma noto che il sapore è troppo dolce e così se anche voi non amate troppo il sapore dolce cambiate le proporzioni dei due ingredienti.

Fate raffreddare la zucca e frullatela unendola alle patate, unite abbondante noce moscata grattugiata, rosmarino tritato anch’esso bello abbondante, il timo non l’ho messo perchè mi piace che si senta o l’uno o l’altro.

Dorare la cipolla in un filo d’olio extra vergine e unirla al composto, aggiungere i formaggi grattugiati e mixare il tutto per ottenere un composto senza grumi.

Pepare e salare abbondantemente perchè sia le patate che la zucca sono dolci, ma sempre assaggiando per non eccedere.

La pancetta, che non ho messo, va prima tostata in padella e poi anch’essa frullata e unita al ripieno.

Preparazione dei tortelli alla piastra romagnoli

Stendere con la macchina per la pasta la sfoglia molto sottile alla penultima tacca e tagliare dei quadrati, farcirli a metà con uno strato di ripieno e chiudere sopra l’altra metà ottenendo dei rettangoli, tagliati con la rotella pigiando un po’ per unire i due lembi.

Cottura dei tortelli alla piastra romagnoli

Per la cottura sarebbe preferibile il famoso testo romagnolo di terracotta ma va benissimo anche una comune padella antiaderente, due o tre minuti di cottura e i nostri deliziosi tortelli  leggeri e saporiti saranno pronti da mordere con gusto.

Tortelli alla Piastra Romagnoli
Tortelli alla Piastra Romagnoli

Varianti:

ripieni di gorgonzola

taleggio e verdure ripassate in padella

Vi è piaciuta questa ricetta? Ringraziandovi per aver visitato il mio blog vi invito a venire e mettere il vostro ”mi piace” sulla mia fanpage su Facebook!

Tortelli alla Piastra Romagnoli
Tortelli alla Piastra Romagnoli

8 Commenti su Tortelli alla Piastra Romagnoli

  1. Ho provato i tortelli alla piastra zucca e patate e li ho trovati squisiti!
    Piatto semplice ma dal sapore gustoso.
    Prossimamente li proverò con nuovi ripieni

    • Sono gustosissimi e sono daccordo con te a provare nuovi ripieni…prossimamente, cara Lara.
      Un abbraccio per te!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.