Pizza Zucchine provola e Peperoni. E’ un po’ che non faccio la pizza, con questo caldo…però zucchine, peperoni e una bella provola mi ispirano…eccola!!!

Pizza Zucchine Provola e Peperoni
Pizza Zucchine Provola e Peperoni

Pizza Zucchine provola e Peperoni

Sempre pasta…ogni tanto c’è la voglia di cambiare, e allora cosa c’è di meglio di una bella pizza? Sarebbe più facile andare in pizzeria in quest’estate rovente, ma se qualche bel temporale ci da un po’ di tregua ritorna la voglia di impastare…e allora pizza sia, ma bella saporita e colorata, solo tre ingredienti ed è pronta in tavola.

Ormai sapete che la impasto con la pasta madre ma per praticità e velocità vi riporto anche la ricetta col lievito di birra, ok?

Vediamo come ho fatto!

Per fare la pizza col lievito di birra: dividete il panetto di lievito in 5 parti e prendetene una, (le altre 4 parti le congelate per la prossima volta) scioglietela in 30 gr. di acqua a temperatura ambiente e impastatela con 70 gr. di farina manitoba, fate lievitare, ci vorrà circa 1 ora in un posto tiepido ma non caldo e poi usate il panetto al posto della pasta madre in ricetta. Se usate il lievito di birra  Naturalmente i panetti lieviteranno prima, quindi regolatevi coi tempi.

Ingredienti:

100 gr. di pasta madre (oppure il panetto con lievito di birra)

200 gr. di farina manitoba0

400 gr. farina0

380 ml. acqua

1 cucchiaino di malto diastatico in polvere oppure zucchero

15 gr. di sale

Ripieno:

una provola affumicata

un peperone rosso e uno giallo

due zucchine

origano

uno spicchio d’aglio

olio extra vergine di oliva

sale rosa

Procedimento:

Ripassare in padella le zucchine e i peperoni tagliati a cubetti con lo spicchio d’aglio e un filo d’olio e condire con origano e sale.

Rinfrescare la pasta madre la mattina prendendo 50 gr. di pasta madre dal frigo, 50 gr, di farina manitoba e 25 gr. di acqua e impastare, mettere il panetto in un barattolo di vetro coperto con una pellicola da cucina e far lievitare e dopo 3 ore quando è al top della lievitazione prendetene 80 gr. – 100 gr. e impastare con gli altri ingredienti versando 350 ml. di acqua nell’impastatrice  e unire le farine setacciate insieme,un po’ per volta all’inizio a velocità minima e poi a velocità 3 unire la pasta madre precedentemente sciolta in 30 ml. di acqua e un cucchiaino di malto. si impasta ancora per qualche minuto e solo dopo si unisce il sale, così non va a diretto contatto del lievito.

L’impasto è pronto e ci si può divertire a dare qualche impastata a mano sbattendo l’impasto più volte  sulla spianatoia(naturalmente si può fare tutto a mano all’inizio in una ciotola o poi sulla spianatoia se non si ha l’impastatrice). Ora si chiude in una busta di plastica e si lascia riposare circa tre ore a temperatura ambiente. Passato il tempo si formano i panetti dividendo l’impasto in quattro pezzi e si arrotondano con le mani pirlando senza schiacciare. Si chiudono ognuno in ciotoline separate e si fa partire la lievitazione per almeno un’ora e poi si conservano in frigo per la notte a maturare. Con questo procedimento la pizza sarà più digeribile e leggera. Il mattino dopo si lasciano a temperatura ambiente fino a lievitazione avvenuta,circa cinque ore per la pasta madre e molto meno per quelli col lievito di birra, dipende anche dalla temperatura dell’ambiente.

Ora si possono stendere spolverando la spianatoia di farina,avendo cura di schiacciare il panetto dal centro verso il bordo lasciando almeno due centimetri  dell’orlo senza schiacciare così le bolle di gas si concentreranno intorno al perimetro e in forno si gonfierà e  si formerà il cornicione. Io dopo aver steso metto la pizza su una paletta divisa al centro spolverata di semola così poi è facile deporla in forno sulla refrattaria,la condisco e via in forno che ho acceso almeno 20′ prima al massimo della temperatura.

4′ -5′ ed è pronta in tavola!

Questo è un assaggio per voi!

Pizza Zucchine Provola e Peperoni
Pizza Zucchine Provola e Peperoni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.