Il Pane Casareccio è il pane che mi piace di più in assoluto, rustico con la sua bella crosta scura e croccante, ben cotto, profumato, saporito e soffice!!!! Che differenza con quei pani  molli e gommosi dal colore chiaro che mi ricordano tanto l’ospedale! E a voi quale tipo di pane piace?

Ecco quello che ho sfornato oggi!

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Il Pane Casareccio

Inutile dirvi che è fatto con il lievito madre, ormai lo sapete che tra me e il lievito di birra non c’è feeling…non che io abbia qualcosa contro il lievito di birra ma sono tanto innamorata dei miei lievitini che li nutro e li coccolo e loro mi ripagano con bellissimi risultati…come faccio a tradirli?

Per quanto riguarda le farine non ho molta scelta dalle mie parti per cui la semola rimacinata è la più usata e mi da anche tanta soddisfazione, viene un pane leggero e alveolato, con la mollica morbida e asciutta.

Oggi avevo poca pasta madre perchè avevo già impastato la pizza e così ne ho usato solo 50 gr. e non pensavo che il pane sarebbe lievitato molto invece con mia sorpresa ho fatto un a bella pagnottina.

Vogliamo vedere come ho fatto?

Ingredienti:

250 gr. di semola rimacinata di grano duro

50 gr. di semola a grana grossa

200 ml. di acqua + 50 ml. finali qb

50 gr. di pasta madre rinfrescata tre ore prima

un cucchiaino di malto in polvere

otto gr. di sale rosa

Procedimento:

Ho spezzettato la pasta madre nella ciotola dell’impastatrice e aggiunto 200 ml. di acqua e azionato al minimo unendo anche il malto, quando la pasta madre si è sciolta ho unito la semola a cucchiaiate a velocità 1 e verso la fine ho unito l’altra acqua rimasta e il saleaumentando la velocità a 3-4.

Ho fatto andare l’impastatrice per circa 15′ finchè non si è sviluppato il glutine e l’impasto è diventato elastico e lucido ribaltando due volte l’impasto.

Ho spento e messo l’impasto in una busta per alimenti e fatto riposare 4 ore a temperatura ambiente, poi ho dato qualche piega e messo in frigo per la notte. La mattina dopo l’ho tolto dalla busta e formato  lasciandolo tornare a temperatura ambiente e  lievitare su cartaforno in teglia.

Quando l’ho visto bello gonfio e pronto ho infornato sulla refrattaria in forno a gas preriscaldato al massimo a metà altezza per circa 20 minuti, poi ho socchiuso il forno e continuato altri 30 minuti abbassando a temperatura media, in questo modo oltre a cuocere internamente la mollica si è ben asciugata ma non seccata.

Ho provato a battere le nocche sul fondo e suonava a vuoto, segno che era cotto, ho spento e lasciato in forno aperto sulla griglia fino al giorno dopo.

Questo tipo di pane dura molti giorni e si mantiene morbido acquistando ancora più sapore del primo giorno ma purtroppo non ne ha avuto il tempo perchè l’abbiamo fatto fuori subito…buono buono…

Ve la fareste una bruschetta?

Io si!!!

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.