Frittelle lunghe sarde o frisgioli longhi

Il Carnevale si avvicina ogni paese inizia a festeggiare preparando dolci tipici, quest’anno ho voluto preparare le frittelle lunghe sarde o frisgioli longhi, che venivano servite in varie ore della giornata. Soffici e profumate, sono una vera delizia. Io invece del classico lievito di birra ho utilizzato il lievito madre. Vediamo come si preparano le frittelle lunghe sarde o frisgioli longhi.

  • Preparazione: 15 + lievitazione Minuti
  • Cottura: Minuti
  • Difficoltà: Medio
  • Porzioni: 9
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • farina di semola rimacinata 500 g
  • latte tiepido 500 ml
  • Lievito madre (oppure 15 gr lievito di birra) 120 g
  • uovo 1
  • Liquore all'anice (oppure grappa) 1 bicchierino
  • Zucchero 40 g
  • scorza limone 1
  • Scorza d'arancia (+ il succo) 1
  • Sale 1 cucchiaino
  • olio per friggere q.b.
  • Zucchero q.b.

Preparazione

  1. Iniziate setacciando la farina in un recipiente, aggiungete il lievito, il latte, lo zucchero, le scorze grattugiate del limone e arancia, il succo dell’arancia, il liquore e il sale, lavorate l’impasto senza fare grumi, lavorandolo con un cucchiaio di legno dall’alto verso il basso. Il risultato finale è una pastella molto densa.

    Coprite il recipiente e mettetelo al caldo fino al raddoppio.

  2. A questo punto mettete abbondante olio nella padella e mettete l’impasto nella sac a poche oppure in un imbuto e formate lentamente le spirali nell’olio bollente facendo 3-4 giri, aiutandovi dopo con una forchetta per tenere la spirale. Fate dorare le frittelle da ambo i lati, poi scolate e passate nello zucchero, poi poggiatele nel vassoio. Le frittelle lunghe sarde o frisgioli longhi sono pronti per essere gustati.

Note

Se ti è piaciuto, metti un Like alla mia pagina Facebook per essere sempre aggiornato sui miei ultimi post https://www.facebook.com/saltainpadella2/

Precedente Bomboloni fritti con crema pasticcera Successivo Devils Cake nido di Pasqua

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.