Agnello in umido alla toscana

Cominciamo a pensare alla Pasqua? Direi proprio di sì, e al di là delle contestazioni agnello sì/agnello no qualche ricetta va data, poi ognuno ne faccia l’uso che vuole in una cordiale atmosfera di tolleranza e libertà personale. Dopo questa doverosa prefazione vi racconto una ricetta toscana tradizionale, imparata da una signora tanti anni fa, che allora mi “colpì al cuore”, e mi portò a fare l’agnello – quelle poche volte – praticamente sempre in questo modo. L’agnello in umido alla toscana è tenerissimo, delizioso, semplice da realizzare, gustoso e allo stesso tempo delicato… insomma perfetto, una ricetta davvero da non perdere!

agnello
  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    5 minuti
  • Cottura:
    30 minuti
  • Porzioni:
    4
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • agnello in pezzi 1 kg
  • sale e pepe nero qb
  • rosmarino fresco 1 rametto
  • aglio 1 spicchio
  • olio evo qb
  • Brandy 1 bicchierino
  • Triplo concentrato di pomodoro 1 cucchiaio
  • Vino bianco secco 2 bicchieri
  • olive nere toste (o olive toscane) qb
  • Patate 1 kg
  • Olio di semi di girasole (per friggere) qb

Preparazione

  1. In una padella antiaderente con un poco di olio evo disporre i pezzi di agnelli, salare e pepare, aggiungere l’aglio e il rosmarino e far rosolare la carne da tutti lati a fiamma vivace. In questo modo si formerà una sorta di “crosticina” che non farà disperdere i succhi della carne durante la cottura e la lascerà morbida e saporita.

  2. Irrorare con il brandy e lasciarlo evaporare. Questo passaggio eliminerà l’odore di selvatico che questa carne tende ad avere. Una volta evaporato aggiungere il concentrato di pomodoro e il vino bianco, abbassare la fiamma e coprire la padella con un coperchio.

  3. Lasciar cuocere in questo modo per circa 30 minuti o meno secondo la grandezza dei pezzi d’agnello, e a metà cottura aggiungere le olive.
    Nel frattempo mondare le patate, tagliarle in grossi pezzi e friggerle in un’altra padella. Una volta cotte posarle sui carta assorbente perchè perdano l’unto in eccesso.

  4. Una volta portata a cottura la carne unire le patate e mescolare un poco perchè si irrorino con sughetto. Servire caldo!


 

Precedente Occhi di bue al ribes, una dolce tentazione Successivo Torta pasqualina, la ricetta tradizionale ligure a "tre veli"

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.