Crea sito

Pancake rustici di polenta e porri

Pancake rustici di polenta e porriPancake rustici di polenta e porri

Una vera delizia questi pancake rustici di polenta e porri, nati come spesso accade per caso e che mi hanno fatto vedere in modo diverso la farina per polenta…si si, avete capito bene, ho usato la farina per la polenta, quella istantanea, e sono certa che la utilizzerò di nuovo per altri piatti di questo genere perchè è stata una piacevole scoperta, visto che fino ad ora l’avevo usata solo per qualche impanatura. La serata è iniziata semplicemente cucinando i porri, ancora non sapevo che ne avrei fatto in realtà, ed è una cosa che mi capita abbastanza spesso. Una frittata? Una torta salata? Poca voglia di accendere il forno e mentre aspettavo di mettere la carne sulla griglia…ecco qui: i pancake rustici di polenta e porri, un antipasto davvero ottimo.

– un porro
– 80 g. di pancetta dolce a cubetti
– un bicchiere di vino bianco secco
– 2 uova
– latte qb
– 130 g. ca di farina per polenta rapida
– 3 cucchiai di parmigiano
– mezza bustina di lievito per salati
– poco olio per spennellare la piastra

Soffriggere i porri tagliati a fettine e i cubetti di pancetta in poco olio, appena dorato il tutto aggiungere il vino bianco e coprire, portando a cottura.
In una ciotola sbattere le uova, aggiungere il lievito, il parmigiano e la farina per polenta, amalgamare bene il tutto, salare appena e aggiungere i porri e la pancetta. Mescolare bene, se l’impasto risultasse troppo duro aggiungere un poco di latte, dovrà essere cremoso ma parecchio denso.
Cuocere i pancake su una piastra o una padella antiaderente spennellandola appena di olio.Semplicissimi no? Un sapore straordinario, provare per credere.
I pancake rustici di polenta e porri sono ideali come antipasto, ma realizzandoli di piccole dimensioni possono essere perfetti come finger food, in un buffet, un apericena o un pic nic. 

2 Risposte a “Pancake rustici di polenta e porri”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.