Pasta orecchiette con cime di rapa

Pasta orecchiette con cime di rapa

Oggi vi lascio questa ricetta di primo piatto: pasta orecchiette con cime di rapa, un piatto della tradizione meridionale. Ottimo per questa stagione invernale, molto gustosa, e con un pizzico di piccante avrete un piatto davvero unico.

pasta orecchiette con cime di rapa
  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    20 minuti
  • Cottura:
    20 minuti
  • Porzioni:
    4 persone
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

  • Cime di rapa 500 g
  • Aglio 1 spicchio
  • Sale q.b.
  • Olio extravergine d’oliva q.b.

Preparazione

  1. Pasta orecchiette con cime di rapa. Pulite le cime di rapa  togliendo la parte più tenera delle foglie, mentre le foglie  più dure usatele per fare un bel stufato, lavetele molto bene con acqua fredda. 

  2. Mettete in una pentola acqua e sale e, quando viene a bollire aggiungete le cime di rapa e lasciate cuocere per 10 minuti, scolatele e mettetele da parte.

  3. In una padella fate rosolare lo spicchio d’aglio, aggiungete le cime di rapa e fatele insaporire nell’olio per 5 minuti, aggiustate di sale.

  4. Intanto cuocete le orecchiette, nell’acqua dove avete cotto le cime e quando saranno cotte scolatele passatele nella padella con le cime e spadellatele per quanche minuto.

  5.   Servile la vostra pasta orecchiette con cime di rapa con una spolverata di peperoncino piccante in polvere.

Note

Questo piatto e un ottimo primo da facile preparazione, buonissimo anche con una buona spolverata di pane raffermo di almeno due giorni grattugiato: In una ciotola sbriciolate la mollica di pane raffermo di un paio di giorni molto finemente, oppure fatelo con il frullatore, mettetela a soffriggere nell’olio precedentemente aromatizzato con l’aglio, aggiungete anche il peperoncino. Fate dorare la mollica finchè ha raggiunto un bel colore dorato e croccante, provate anche aggiungendo dei gamberetti, trovate QUI’ la ricetta.

Spero che questa ricetta sia stata di tuo gradimento, se ti va seguimi sul blog In cucina con Marghe E per rimanere sempre aggiornati  fai anche un salto sulla mia  fan page di facebook  Basta cliccare “mi piace” per essere aggiornato sulle ultime ricette pubblicate. Ti aspetto!

Torta di zucchine e riso alla sanremese

Oggi vi lascio questa deliziosa ricetta, La torta di zucchine, è una ricetta tipicamente di Sanremo Torta di zucchine e riso alla sanremese Si tratta di una torta di zucchine uova e riso, la sua particolarità è che va infornata a forno spento.

  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    30 minuti
  • Cottura:
    30 minuti
  • Porzioni:
    8 persone
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

Per il ripieno

  • Zucchine 1 kg
  • Parmigiano reggiano 100 g
  • Riso 100 g
  • cipolla 1/2
  • Uova 4
  • Sale q.b.
  • Pepe q.b.

Per la sfoglia

  • Farina 00 250 g
  • Olio di oliva 3 cucchiai
  • Acqua 50 ml

Preparazione

  1. Torta di zucchine e riso alla sanremese

    Lavate le zucchine, spuntatele alle estremità e poi tagliatele a dadini piccolissimi.
    Affettate sottilmente la cipolla e mettetela in un tegame e fatela soffriggere in 4 cucchiai di olio extravergine di oliva; levate quindi il recipiente dal fuoco, unite il riso, le zucchine, il parmigiano, le uova sbatture leggermente, sale e pepe.
    Con un cucchiaio di legno mescolate bene questi ingredienti in modo da amalgamarli.

     

  2. Mettete sulla spianatoia la farina, fate una fontana, porre al centro un pizzico di sale, 3 cucchiai di olio e impastate con 50 gr di acqua fredda de risulta dura aggiungere altra acqua o latte.
    Lavorate l’impasto, che deve restare piuttosto morbido, stendetela in una sfoglia il più sottile possibile.

  3. Prendete una tortiera di 28 cm, ungetela di olio e foderate il fondo ed i bordi con la sfoglia, versatevi il composto di verdure preparato e stendetelo bene; con la rimanente sfoglia coprite lo stampo unendo le due paste ai bordi.
    In una ciotola mettete un cucchiaio di olio e uno di acqua, emulsionateli bene con una forchetta e poi ungete la parte superiore della pasta; sempre con la forchetta bucherellatela,

  4. Mettete il recipiente in forno inizialmente freddo e cuocere la torta di zucchine e riso alla sanremese per un’ora a 180°C.
    E’ pronta quando la pasta risulterà dorata e si staccherà bene dal bordo della teglia, può essere servita sia calda che fredda.

Consiglio

In inverno si possono sostituire le zucchine con zucca gialla.

leggete anche le altre ricetta di torte salate

Spero che questa ricetta sia stata di tuo gradimento, se ti va seguitemi sul blog In cucina con Marghe E per rimanere sempre aggiornati  fai anche un salto sulla mia  fan bage di facebook  Basta cliccare “mi piace” per essere aggiornato sulle ultime ricette pubblicate. Ti aspetto!

Pappa al pomodoro cucina Toscana

La pappa al pomodoro, è una zuppa a base di  pane raffermo e pomodoro, viene servito come primo piatto tradizionale della cucina Toscana. Un piatto povero, ma con il suo condimento saporito lo rende gustoso e squisito.

pappa al pomodoro cucina toscana
  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    20 minuti
  • Cottura:
    45 minuti
  • Porzioni:
    4 persone
  • Costo:
    Molto Basso

Ingredienti

  • Pane (raffermo tipo Toscano) 400 g
  • Pomodoro (a pezzi) 400 g
  • Brodo (vegetale) 1 l
  • Aglio 2 spicchi
  • Basilico 1 mazzetto
  • Olio extravergine di oliva q.b.
  • cipolla 1/2

Preparazione

  1. pappa al pomodoro cucina toscana

    Tagliate il pane raffermo (senza sale tipo Toscano oppure un pane con poco sale) a tocchetti sottili.
    Quindi sistemate il pane in una teglia e tostatelo per qualche minuto in forno preriscaldato a 200°.
    Toglietelo dal forno e lasciatelo intiepidire, sbucciate lo spicchio di aglio e strofinatelo sul pane.

  2. pappa al pomodoro cucina toscana

    In una padella fate riscaldare un filo d’olio extravergine d’oliva fate dorare uno spicchio di aglio e poi levatelo.

    Fate rosolare mezza cipolla tagliata molto finemente nello stesso olio che avete dorato l’aglio, quando la cipolla è ben cotta unite il pane tostato, fate insaporire qualche minuto, unite i pomodori tagliati a dadini mescolate bene e aggiungete del brodo caldo fino a ricoprire tutto il pane.

    Mescolate, salate, pepate e fate cuocere a fuoco basso per almeno 40 minuti, se necessario di tanto in tanto aggiungete il brodo caldo e mescolate.

  3. pappa al pomodoro cucina toscana
  4. A cottura terminata dovrete ottenere una zuppa abbastanza ristretta. Servite la vostra zuppa di pappa al pomodoro con delle foglie di basilico e abbondante olio extravergine di oliva.

Note

Questa zuppa di pappa al pomodoro della cucina Toscana  potete servirla calda durante l’inverno o fredda in estate, o tiepida nelle giornate primaverile e autunnale.

Spero che questa ricetta sia stata di tuo gradimento, se ti va seguitemi sul blog In cucina con Marghe E per rimanere sempre aggiornati  fai anche un salto sulla mia  fan bage di facebook  Basta cliccare “mi piace” per essere aggiornato sulle ultime ricette pubblicate. Ti aspetto!

Gnocchi di semolino allo sbrinz

Gnocchi di semolino allo sbrinz

Un piatto sfizioso e facile da realizzare provate subito.. Ottimo sia freddo che caldo.

 

Gnocchi di semolino allo sbrinz
  • Difficoltà:
    Molto Bassa
  • Preparazione:
    15 minuti
  • Cottura:
    20 minuti
  • Porzioni:
    4 persone
  • Costo:
    Basso

Ingredienti

  • Semolino 250 g
  • Latte intero 1 l
  • Uova 2
  • sbrinz 100 g
  • prosciutto cotto 120 g
  • Burro 120 g
  • Noce moscata pizzico
  • Sale pizzico
  • Pepe q.b.

Preparazione

  1. Versate il latte in una casseruola, aggiungete la noce moscata, un pizzico di sale e una macinata di pepe.

    Portate a ebollizione a fuoco medio, togliete dal fuoco e aggiungete il semolino versandolo a pioggia.
    Rimettete la casseruola sul fuoco dolce e, sempre mescolando, fate cuocere 10 minuti.
    Togliete dal fuoco, incorporate le uova, 50 gr di burro e 50 gr di sbrinz.
    Tritate il prosciutto e mascolatelo al composto.
    Versatelo in una teglia bassa e imburrata, lisciate la superficie con la spatola leggermente unta di olio e fate raffreddare completamente.
    Preriscaldate il forno a 240°, ritagliate gli gnocchi con uno stampino taglia pasta tondo e disponeteli in una pirofila imburrata sovrapponendoli leggermente.
    spolverizzateli gli gnocchi con lo sbrinz e fiocchetti del burro rimasto.
    Fate gratinare in forno 10 minuti e servite i vostri gnocchi di semolino allo sbrinz e prosciutto.

Note

Spero che questa ricetta sia stata di vostro gradimento, se vi va seguitemi anche su fb e blog In cucina con marghe, per rimanere sempre aggiornati.

Penne con broccoli e ricotta salata

Penne con broccoli e ricotta salata

Penne con broccoli e ricotta
Oggi vi propongo un piatto gustoso e facile da realizzare le penne con broccoli e ricotta salata. I broccoli o cavolfiore romanesco è ricco di potassio, calcio, magnesio, fosforo e vitamina C. Il suo contenuto calorico si bira intorno alle 25 kcal per 100 grammi

 

Penne con broccoli e ricotta salata

Oggi vi propongo un piatto gustoso e facile da realizzare le penne con broccoli e ricotta salata. I broccoli o cavolfiore  romanesco è ricco di potassio, calcio, magnesio, fosforo e vitamina C. Il suo contenuto calorico si bira intorno alle 25 kcal per 100 grammi

Ingredienti per 4 persone: Preparazione: 10 minuti. Cottura: 20 minuti

240 g di penne integrali
2 broccoli romanesco piccoli
Uno spicchio di aglio
Un peperoncino
Ricotta salata grattugiata fresco
Sale
Olio extravergine di oliva

Procedimento:

Dividete il cespo dei broccoli in tanti ciuffetti.
Sciacquate i broccoli sotto l’acqua corrente.
Poneteli in un tegame con un filo di olio extravergine di oliva, l’aglio e il peperoncino.
Fate cuocere per 5 minuti a fiamma vivace, poi abbassate la fiamma e copriate di acqua per metà dei broccoli.
Lasciate cuocere coperto per 15 minuti, controllando di tanto in tanto.
Intanto mettete a bollire una pentola di acqua salata quando viene a bollore buttateci le penne ( a vostrio piacere potete utilizzare qualsiasi formato e se desiderate noemale o integrale).
Lessate la pasta e a cottura desiderata scolatela al dente, lasciando qualche cucchiaiata di acqua di cottura.
Trasferite la pasta nel tegame con i broccoli e mantecatela con un po d’ acqua di cottura, mescolate giusto il tempo che si amalgami il tutto, unite un filo di olio extravergine di oliva a crudo e impiattate con una bella spolverata di ricotta salata grattugiato al momento le penne con broccoli e ricotta salata, servite caldo.

Penne con broccoli e ricotta

Spero che questa ricetta sia stata di tuo gradimento, se ti va seguimi sul blog In cucina con Marghe E per rimanere sempre aggiornati  fai anche un salto sulla mia  fan page di facebook  Basta cliccare “mi piace” per essere aggiornato sulle ultime ricette pubblicate. Ti aspetto!

Zuppa di farro perlato con guanciale

Zuppa di farro perlato con guanciale

Zuppa di farro perlato con guanciale
Questa calda Zuppa di farro perlato con guanciale e un’ottima idea per questi giorni grigi

Zuppa di farro perlato con guanciale

Questa calda Zuppa di farro perlato con guanciale e un’ottima idea per questi giorni grigi. Io ho utilizzato il farro perlato che è privato completamenre della sua pellicina  esterna così  evitiamo l’ammollo, accorciando i tempi di cottura. Il farro è composto per circa il 10 % da acqua, proteine al 18%, il 6,8 % di fibre alimentari, amido 58,5 %, grassi 7 % e zuccheri 2,7%. Ricco di vitamine: Le vitamine sono la vitamina A, le vitamine B1, B2, B3, B5, B6, vitamina E e K. I minerali sono: potassio, ferro, calcio, rame, sodio e fosforo. Per saperne di più visitate QUI’

Ingredienti per 4 persone

400 gr di farro perlato
100 gr di guanciale
4 cucchiai di olio extravergine di oliva
1 cipolla
1 carota
1 peperoncino rosso
1/2 litro di brodo vegetale
sale, pepe q.b.
Preparazione
Tritate la cipolla, la carota e fateli imbiondire nell’olio caldo insieme a un pezzetto di peperoncino.
Aggiungete il guanciale tagliato a dadini e fatelo rosolare.
Prima che il guanciale si secchi troppo,versate il brodo caldo e portatelo ad ebollizione: appena l’avrà raggiunta, unite il farro lavato sotto l’acqua corrente e ben scolato.
Abbassate la fiamma, chiudete la casseruola e portate la zuppa a cottura completa aggiungendo, se necessario , ancora un pò di brodo, salate e pepate.
Quando la vostra zuppa di farro perlato con guanciale sarà ben cotta versatela in una terrina di servizio calda, e portatela in tavola accompagnandola con rettangoli di pane casareccio affettato grosso.

Zuppa di farro perlato con guanciale
Questa calda Zuppa di farro perlato con guanciale e un’ottima idea per questi giorni grigi.

Spero che questa ricetta sia stata di tuo gradimento, se ti va seguimi sul blog In cucina con Marghe E per rimanere sempre aggiornati  fai anche un salto sulla mia  fan page di facebook  Basta cliccare “mi piace” per essere aggiornato sulle ultime ricette pubblicate. Ti aspetto!

Tortelli di zucca e amaretti fatti in casa

Tortelli di zucca e amaretti

tortelli di zucca e amaretti

 

Tortelli di zucca e amaretti

Ecco oggi questi tortelli. Si tratta di una pasta ripiena, con all’ interno un delicato impasto dolce a dase di zucca, amaretti e mostarda.

 

INGREDIENTI PER LA SFOGLIA
300 gr di farina 00
3  uova grandi

INGREDIENTI PER IL RIPIENO
600 gr di zucca
100 gr di amaretti tritati
60 gr di mostarda mantpvana
100 gr di grana padano
La scorza di mezzo limone
1 pizzico di noce moscata
sale e pepe q.b.
pangrattato q.b.

PREPARAZIONE

 Su un tavolo da lavoro disporre la farina a fontana e al centro rompetevi le uova e un pizzico di sale, ed impastare fino a creare un composto omogeneo e den sodo.
Lasciate riposare l’impasto per 30 minuti avvolto nella pellicola da cucina.

Intanto eliminate la buccia e i semi dalla zucca, tagliatela a spicchi e adagiatela su una placca da forno dove è stato precedentemente steso un foglio di carta forno.
Cuocete la zucca in forno a 160° per 40 minuti circa.
Nel frattempo, schiacciare e tritare gli amaretti e la mostarda.
Una volta cotta, schiacciate la zucca con lo schiacciapatate.
In una ciotola unite gli amaretti sbriciolati, la mostarda triturata, la scorza di limone grattugiata, il grana  padano, la noce moscata, e se il composto risulta troppo umido aggiungere un cucchiaino di pangrattato, regolare di sale e pepe.
Stendete la pasta in una sfoglia sottile, adagiate sulla sfoglia piccole quantità di farcia a una distanza di 1,5 centimetri l’uno dall’altra.
Bagnate leggermente la sfoglia con un po di acqua, quindi ricoprire con l’altra metà, lasciar fuoriuscire l’aria quindi ricavare i tortelli con l’aiuto di una rotella dentellata
Cuocete i tortelli di zucca e amaretti in abbondante acqua salata per 3-4 minuti
Scolare quindi condire con il burro fuso e la salvia
Servire con una generosa spolverata di grana grattugiato.

tortelli di zucca e amarettitortelli di zucca e amarettitortelli di zucca e amaretti

Spero che questa ricetta sia stata di tuo gradimento, se ti va seguimi sul blog In cucina con Marghe E per rimanere sempre aggiornati  fai anche un salto sulla mia  fan page di facebook  Basta cliccare “mi piace” per essere aggiornato sulle ultime ricette pubblicate. Ti aspetto!