Tiramisù classico con uova pastorizzate

Tiramisù classico con uova pastorizzate.

Se non vi fidate di usare uova crude perchè avete paura dei batteri della salmonella per preparare il vostro tiramisù o per la crema per il pandoro, oggi le potete pastorizzare senza cambiare nulla all’uovo.
Ecco come potete pastorizzare le uova per poi usarle per le vostre ricette che richiedono uova crude (esempio il tiramisù). Lasciate le uova a temperatura ambiente per un’oretta.
Mettete le uova in un pentolino e copritele di acqua tiepida. Mettete il pentolino sul fuoco e riscaldate l’acqua fino a raggiungere una temperaturadi 60° aiutandovi con un termometro per controllarela temperatura. Quando raggiunge i 60° abbassate la fiamma e togliete la pentola dal fuoco per pochi secondi poi rimettetela sul fuoco e, ripetere questa manovra per 3 -4 volte, lasciate cuocere così per 3-4 minuti, cercate di mantenere la temperatura costante. Togliete le uova dalla pentola e passatele in acqua fredda per riportarle a temperatura ambiente. Ora le uova sono pastorizzate e potete usarle come volete. Adesso andiamo alla ricetta del tiramisù tiramisù classico con uova pastorizzate.

tiramisù classico con uova pastorizzate
  • Difficoltà:
    Bassa
  • Cottura:
    30 minuti
  • Porzioni:
    10

Ingredienti

  • Mascarpone 500 g
  • Zucchero 150 g
  • Pavesini 200 g
  • Liquore (A piacere) 50 ml
  • Uova 6
  • Caffè 6 tazze
  • Cacao amaro q.b.
  • Gocce di cioccolato fondente q.b.

Preparazione

  1. In una terrina montate i tuorli pastorizzate con lo zucchero fino a ottenere una crema gonfia e spumosa, aggiungete un po per volta il mascarpone e montate  bene con le frusteelettriche.

  2. In un’altra terrina montate a neve gli albumi con un pizzico di sale, incorporate delicatamente gli albumi montati a neve ferma al mascorpone mescolando con una spatola dal bassa verso l’alto.

  3. In una terrinetta mescolate il caffè leggermente zuccherato e il liquore.

    In uno stampo mettete uno strato di crema e sopra uno strato di pavesinii inzuppati nel caffè, ricoprite con un altro strato di crema, cacao e scaglie di cioccolato quindi proseguite con gli ingredienti alternando uno strato di pavesini e uno di crema al mascarpone.

    Mettete in frigorifero per almeno due ore.

    Poco prima di servire  cospargete la superficie del tiramisù con cacao amaro in polvere e gocce di cioccolato.

Note

Spero che questa ricetta sia stata di tuo gradimento, se ti va seguimi sul blog In cucina con Marghe E per rimanere sempre aggiornati  fai anche un salto sulla mia  fan page di facebook  Basta cliccare “mi piace” per essere aggiornato sulle ultime ricette pubblicate. Ti aspetto!

Cupcake con crema mascarpone colorata

Cupcake con crema mascarpone colorata

Cupcake con crema mascarpone colorata

Cupcake con crema mascarpone colorata

Oggi vi propongo questi cupcake con crema al mascarpone colorata, ho utilizzato le bocchette russi a forma di fiori rosa ecc… li potete trovare anche su amazon.

Ingredienti
50 gr di burro
450 gr di farina
2 uova
50 gr di gocce di cioccolato
3 cucchiaini di lievito
60 gr di zucchero
100 ml di latte
un pizzico di sale

Per le decorazioni
500 gr di mascarpone
100 gr di zucchero a velo
colorante alimentare a vostra fantasia

Preparazione

 Prima di iniziare a preparare i  cupcake con crema al mascarpone colorata. Accendete il forno a 200°C.
Imburrate e infarinate due teglie da forno per cupcake  con 10 12 vaschette l’uno.
In una terrina versate la farina setacciata, lo zucchero, il lievito e un pizzco di sale.
mischiate e formate una fontana.
In un’altra ciotola sbattete le uova, l’olio, versate il tutto nella fontana e amalgamate aggiungendo il latte un po per volta, aggiungete le gocce di cioccolato e mescolate per distribuire il cioccolato nell’impasto.
Versate il composto negli stampini riempendoli per 3/4, infornate per 20-25 minuti, o finchè non saranno lievitati e avranno assunto un colore dorato.
Aprite il forno e lasciate dentro i vostri cupcake per 10 minuti a forno spento.
Lasciate raffreddare i cupcake negli stampi per 5 minuti, poi sformateli e metteteli su una griglia a raffreddare.
Mescolate il mascarpone con lo zucchero, dividete in diverse ciotole e colate a vostra fantasia la crema di mascarpone.
Trasferite la crema in sac a poche usa e getta con bocchetta a fiori e guarnite ciascun cupcake con crema mascarpone colorata.

Cupcake con crema mascarpone colorata

Spero che questa ricetta sia stata di tuo gradimento, se ti va seguitemi sul blog In cucina con Marghe E per rimanere sempre aggiornati  fai anche un salto sulla mia  fan bage di facebook  Basta cliccare “mi piace” per essere aggiornato sulle ultime ricette pubblicate. Ti aspetto!

Yogurt di soia come farlo in casa

Yogurt di soia come farlo in casa

yogurt di soia

Yogurt di soia come farlo in casa

Chi lo ha detto che non si può fare lo yogurt  di soia in casa? Io ho provato e questo è il risultato. Lo yogurt  di soia  è molto facile da realizzare  serve solo una  yogurtiera elettrica e il gioco è fatto. Otterrete una crema densa e omogenea.

Ingredienti
1litro di latte di soia al naturale
1 vasetto di yogurt intero compatto
Attrezzi yogurtiera elettrica
Preparazione
Mescolate il latte di soia al naturale con un vasetto di yogurt intero naturale (se possibile utilizzate lo yogurt compatto kyr)che è l’unico che ha tutti i fermenti lattici ( Lactobacillus bulgaricus, Streptococcus thermophilus, Lactobacillus acidophilus, Bifidobacterium) amalgamate  fino ad ottenere una consistenza omogenea e liscia.
Versatelo nei vasetti in dotazione della yogurtiera o in una ciotola di vetro senza coprirli, mettete i vasetti di yogurt di soia nella yogurtiera coprite con il coperchio della yogurtiera accendetela e lasciate fermantare per 10-12 ore.
Trascorso il tempo stabilito trasferite il composto in un colapasta ricoperto da un panno bianco e pulito e fate colare fino a quando non fuoriescie tutto il siero.(Otterrete 250 gr di yogurt)
Trasferite lo yogurt  in una ciotolina e conservate in frigorifero a raffreddare.
Consumatelo in 4-5 giorni.
Provatelo vi assicuro che è una vera delizia, se desiderate potete anche aggiungere lo zucchero o del miele (mescolatelo con il latte e lo yogurt prima di metterlo nella yogurtiera) volendo potete consumarlo con della frutta a pezzetti a vostro piacimento, o preferite con i cereali.
yogurt di soia
Spero che questa ricetta sia stata di tuo gradimento, se ti va seguimi sul blog In cucina con Marghe E per rimanere sempre aggiornati  fai anche un salto sulla mia  fan bage di facebook  Basta cliccare “mi piace” per essere aggiornato sulle ultime ricette pubblicate. Ti aspetto!
 

Crema inglese o salsa inglese?

Crema inglese o salsa inglese

crema inglese o salsa inglese

Crema inglese o salsa inglese

Crema o farcia: la differenza tra creme e le farce consiste nell’utilizzo e nella densità.
La farcia, che è molto più densa (grazie talvolta alli’mpiego di farina o amido) serve esclusivamente a farcire torte e crostate, mentre la crema, meno densa, può anche avere un ruolo di accompagnamento.
Ecco oggi la ricetta della .

Ingredienti

5 tuorli
700 ml di latte intero
140 gr di zucchero
1 scorza di limone

Preparazione

Fate bollire il latte con 70 gr di zucchero e la scorza di limone.
Lavorate a parte i tuorli con altri 70 gr di zucchero finchè sono bianchi e spumosi.
Unite il latte a filo dopo aver eliminato la scorza di limone.
Ponete il composto a bagnomaria e, mescolando sempre far raggiungere il bollore, fate andare fino a quando la crema non velerà il cucchiaio.
Passate poi subito la crema con un colino fine.
Lasciate raffreddare, mescolandola di tanti in tanto perchè non si formi una pellicola in superfice.
Potrete aromatizzare questa crema o salsa, invece che la scorza di limone, con vaniglia, caffè, caramello o con liquore a voi gradito.
Generalmente creme o farce vanno poste a raffreddare in frigorifero prima di essere servite o comunque impiegate, ma per farlo aspettate che si siano perfettamente raffreddate a temperatura ambiente.
Fate attenzione inoltre che nel frigorifero non vi siano alimenti dall’odare forte ( come cipolle, aglio ecc.) che potrebbero facilmente trasmetterlo al dolce; proteggete eventualmente la preparazione coprendola con della pellicola. Crema inglese o salsa inglese

 crema inglese o salsa inglese.

Spero che questa ricetta sia stata di tuo gradimento, se ti va seguitemi sul blog In cucina con Marghe E per rimanere sempre aggiornati  fai anche un salto sulla mia  fan bage di facebook  Basta cliccare “mi piace” per essere aggiornato sulle ultime ricette pubblicate. Ti aspetto!

Fichi caramellati e limoni “ricetta facile”

Fichi caramellati e limoni

Fichi caramellati e limoni

I fichi caramellati e limoni sono davvero deliziosi servito con formaggi semistagionati, o per decorare dolci e crostate.

Fichi caramellati e limoni

I fichi caramellati e limoni sono davvero deliziosi servito con formaggi semistagionati o per decorare dolci e crostate. Ottimo per sostituire la classica confettura. Il fico è un frutto molto dolce e a bassa acidità, risulta quindi ottima l’unione con il limone che ne attenua il sapore zuccherino.

Ingredienti

1 kg di fichi neri maturi
300 gr di zucchero semolato
1 stecca di cannella
scorza di 3 limoni
un bicchierino di rum

Preparazione

Il fico è un frutto molto dolce e a bassa acidità, risulta quindi ottima l’unione con il limone che ne attenua il sapore zuccherino.
Scegliete dei fichi neri maturi ma ben sodi
Lavateli con molta delicatezza.
Adagiate i fichi interi e con la pelle uno accanto all’altro in una pentola larga e cospargerli di zucchero la scorza dei limone (solo la parte gialla) e un bicchierino di rum.
Fate cuocere i fichi caramellati e limoni a fiamma bassa senza coperchio per 3 ore circa (o per lo meno fino a quando il liquido non si sarà assorbito), mescolate di tanto in tanto e eliminate i semi che affiorano in superficie aiutandovi con un colino a maglia fitte e proseguite la cottura.
Quando la composta di fichi caramellati e limoni  avrà preso una consistenza caramellata invasate a caldo e subito capovolgete i vasi precedentemente lavati e sterilizzari, lasciando poi raffreddare. Sistemateli in dispensa capovolti in luogo fresco e consumare entro 3 mesi. Utilizzate la vostra composta di fichi per farcire le crostate e accompagnare i formaggi.

Fichi caramellati e limoniFichi caramellati e limoniFichi caramellati e limoniFichi caramellati e limoni

Spero che questa ricetta sia stata di tuo gradimento, se ti va seguitemi sul blog In cucina con Marghe E per rimanere sempre aggiornati  fai anche un salto sulla mia  fan bage di facebook  Basta cliccare “mi piace” per essere aggiornato sulle ultime ricette pubblicate. Ti aspetto!

 

Crema vegana senza latte uova e glutine.

Crema vegana al cioccolato senza latte senza uova senza glutine.

crema vegana

Crema vegana al cioccolato

Ingredienti
1 litro di acqua
400 gr di zucchero
200 gr di amido di mais o metà e metà con amido di riso
80 gr di cacao amaro
250 ml di panna vegetale montata

Preparazione
Fate bollire l’acqua, intanto miscelare in una ciotola gli altri ingredienti (tranne la panna che va montata a parte)..unite un pò di acqua per amalgamarli bene gli ingredienti senza formare grumi.
Versate il composto nell’acqua calda con delicatezza e rimettere sul fuoco, mescolate molto bene e in continuazione affinchè la crema si addensa.
Versate la crema  in un contenitore coprite con la pellicola a contatto con la crema e lascire raffreddare in frigo per una notte. Il giorno dopo amalgamate la crema vegana per omogeneizzarla, unite sempre mescolando la panna montata. Con questa crema farcite quello che volete. Con questa gustosa crema vegana farete felice i vostri amici  vegani, ma ottima per tutti sia vegani e non. Provate non ve ne pentirete. Ottima per farcire torte, cupcake, anche cheesecake su basa di biscotti e messa in frigo.

Trovate quì altre ricette.

Spero che questa ricetta sia stata di tuo gradimento, se ti va seguitemi sul blog In cucina con Marghe E per rimanere sempre aggiornati  fai anche un salto sulla mia  fan bage di facebook  Basta cliccare “mi piace” per essere aggiornato sulle ultime ricette pubblicate. Ti aspetto!

 

Sanguinaccio al cioccolato senza sangue.

Sanguinaccio al cioccolato senza sangue.

sanguinaccio al cioccolato

Sanguinaccio al cioccolato

Il sanguinaccio al cioccolato è una crema dolce a base di cioccolato fondente. In origine il sanguinaccio veniva aromatizzato con il sangue fresco del maiale che gli conferiva quel caratteristico retrogusto acidulo, da lì che prende il nome sanguinaccio.  Riconosciuto prodotto agroalimentare tradizionale della Basilicata. Veniva tradizionalmente preparata quando si ammazzava il maiale. Ma dal 1992 è stata vietata la vendita del sangue fresco del maiale. Questo prodotto si accompagna molto bene con le chiacchere o biscotti secchi. Il sangue non essendo più reperibile almeno al nord italia, la ricetta  viene rivisitata. Questa è la versione oramai che ormai tutti conoscono. Infatti io lo preparo così.
500 ml di latte
50 gr di farina
100 gr di cacao amaro
1 bustina di vanillina
un cucchiaino di cannella
300 gr di zucchero
100 gr di cioccolato fondente
un bicchierino di “strega”

Sancuinaccio al cioccolato mettere il latte sul fuoco per farlo intiepidire un pò.
Passate al setaccio il cacao amaro, un pizzico di sale, la farina, la cannella, la vanillina, lo zucchero. Mescolare il tutto e aggiungere il latte mescolando bene fino a ottenere un composto fluido e senza grumi. Portare il tutto ad ebollizione senza mai smettere di mescolare.
Una volta raggiunta l’ebollizione aggiungere il cioccolato tritato; continuare a mescolare sempre nello stesso verso fino a che gli ingredienti si saranno bene amalgamati, e continuate a cuocere per 8 minuti. Due minuti prima di spegere il fuoco aggiungetevi un bicchierino di liquore “strega” e amalgamare bene.Versare in una ciotola di vetro e fate intiepidire e mettere a raffreddare  in frigo. Questa crema di sanguinaccio al cioccolato può essere servito oltre che con le chiacchiere anche con i savoiardi, o biscotti secchi, il risultato è davvero garantito, piacerà a grandi e piccini.Un consiglio. Siccome che questa ricetta prevede del liquore vi consiglio di prelevarne un bicchiere (per i vostri bimbi) prima di aggiungere il liquore.