Crea sito

Scialatielli alla coda di rospo

Scialatielli alla coda di rospo
Li ho trovati appena fatti. Mi ispiravano e ho chiesto una ricetta tipica. La signora del panificio mi ha raccontato questa e ho provato. Squisiti, buonissimi, saporiti. Ho anche scoperto che questa pasta, che prima o poi mi cimenterò a fare, è un formato di pasta fresca usato nella cucina campana. Tipici di Amalfi, gli scialatielli sono nati da un’idea dello chef Enrico Cosentino nel 1978 . Sono tradizionalmente fatti a mano ma vengono anche venduti come formato di produzione industriale.

INGREDIENTI per quattro persone
400 gr di scialatielli
500 gr di coda di rospo (solo la polpa)
400 gr di pomodorini maturi
uno spicchio d’aglio
Olio extra vergine di oliva
Sale
Peperoncino
Prezzemolo
1 zucchina

PROCEDIMENTO
Pulire bene il pesce, sciacquarlo sotto l’acqua e tagliarlo a tocchettini di circa 4 centimetri, salare ed infarinare leggermente.
Mettere i tocchetti di pesce in una padella con olio extra vergine di oliva e cucinare a fuoco medio per circa 10 minuti.
Togliere i tocchetti e metterli in un piatto a parte.
Nella stessa padella aggiungere i pomodorini tagliati, la zucchina ridotta in piccolissimi pezzi e lo spicchio d’aglio pulito della sua anima e cuocere per 20 minuti. Aggiustare di sale
Lessare gli scialatielli in acqua salata bollente, scolare e saltare nella padella
con i pomodorini e le zucchine, aggiungere peperoncino piccante, i tocchetti di coda di rospo e servire.

IMG_8346_Fotor2222

IMG_8347_Fotor111

#CHEVINOABBINO
Riviera Ligure di Ponente Vermentino

Pubblicato da blumirtillo

Ciao sono Giusy Locati. www.giusylocati.it - ho 44 anni, 1 marito, 5 cani, 8 gatti, amo la cucina, le fotografie e ovviamente gli animali. Sono psicologa e lavoro in provincia di Venezia. Questo blog... a dirla proprio tutta ... lo gestisco con il prezioso aiuto di mamma Rina e papà Gianni che da 300 km di distanza si dilettano a mandarmi qualche suggerimento via e-mail!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.