Crea sito

Cotoletta di pollo impanata con farina di mais

Il petto di pollo è una parte del pollo molto buona e succosa. Il valore nutritivo della carne di pollo è all’incirca pari a quello di vitello. Le parti bianche (petto e ali) sono più ricche di proteine e più povere di grassi di quelle scure. Le calorie fornite da questo tipo di carne sono, per ogni 100 grammi, 150 in un pollo novello e 200 in un pollo vecchio. Tutte le parti di un pollo sono molto digeribili e sono anche indicate per le diete povere di calorie. Ci sono vari modi di cucinarlo, io oggi lo voglio proporre impanato, ma non la panatura classica con pane grattugiato, ma con farina di mais. Il risultato è stato ottimo, una cotoletta dorata, asciutta e croccantissima.

cotoletta di pollo impanata con farina di mais
  • Preparazione: 20 Minuti
  • Cottura: 20 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: 4 persone
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • Petto di pollo 4 fette
  • Farina di mais 200 g
  • Farina 00 100 g
  • Uova 2
  • Sale
  • Olio di semi di arachide

Preparazione

  1. Per questa cotoletta di pollo impanata con farina di mais, la prima cosa da fare è battere le fettine di carne.

    Mettete le fettine di petto di pollo tra due fogli di pellicola e con il batticarne battetele leggermente.

    Sistemate in contenitori diversi la farina e la farina di mais, sbattete le uova con un pizzico di sale finché tuorlo e albume non sono ben amalgamati e spumosi e mettetele in un altro contenitore.

    Iniziate ora a comporre le cotolette di pollo. Prendete una fettina, passatela nella farina premendole bene, la farina deve aderire bene, quindi nell’uovo bagnandole bene da una parte e dall’altra, e passatele nella farina di mais, facendo in modo che aderisca bene da tutte le parti, rimettete la fettina nell’uovo e nella farina di mais. Avrete così una panatura doppia.

    Ripetete l’operazione per le altre fettine.

    In una larga padella mettete l’olio e iniziate la cottura delle fettine, circa 8-10 minuti, su fiamma vivace, girandole almeno un paio di volte, debbono prendere colore, e formare una crosticina ben dorata, ma non bruciarsi.

     

Note

Se ti è piaciuta questa ricetta seguimi su Facebook IOINCUCINACONTE per tante altre ricette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.