Crea sito

Lo scarpariello antico piatto napoletano

Lo scarpariello

Lo scarpariello è un piatto tipico napoletano molto antico e popolare, veniva preparato spesso per la semplicità degli ingredienti. Prende il nome dagli “scarpari dei quartieri spagnoli di Napoli” (calzolai) che costretti a orari di lavoro intenso si accontentavano di preparazioni veloci ed economiche, ma gustose come questa. Anticamente la ricetta veniva fatta con il ragù avanzato dalla domenica, e i formaggi che spesso i calzolai ricevevano come ricompensa per il loro lavoro. Oggi questo piatto si prepara di solito con i pomodori pelati. Questo è uno dei miei primi piatti preferiti, si prepara in pochissimo tempo ed è buonissimo e cremoso al punto giusto. Una vera delizia per il palato. Le ricette antiche e semplici sono sempre le più valide. Se non avete mai provato questa ricetta, vi invito a farla al più presto. Una pietanza che a prima vista può sembrare banale, si rivelerà straordinaria. Perla di Reginè. Vi mostro i passaggi, Seguitemi per la ricetta.

Lo scarpariello

 

INGREDIENTI X 4 PERSONE

400 gr di spaghetti

60 gr di olio evo

1 spicchio di aglio

1 peperoncino

1 scatola di pomodori pelati

100 gr di formaggio parmigiano grattugiato

50 gr di formaggio pecorino grattugiato

sale q.b

alcune foglie di basilico tritato

 

PROCEDIMENTO

In una padella far imbiondire lo spicchio d’aglio schiacciato con il peperoncino.

aggiungere i pomodori pelati passati e far cuocere il tutto regolando di sale per circa 15 minuti, aggiungere poi il basilico tritato.

Nel frattempo lessare gli spaghetti al dente in abbondante acqua salata.

Colarli e metterli poi nella padella con il sugo, aggiungere anche i formaggi grattugiati e a fuoco basso iniziare a spadellare fino a che i formaggi si amalgamano bene alla pasta, e il tutto appare ben mantecato.

 

 

 

Impattare gli spaghetti e guarnire il piatto con una fogliolina di basilico.

Buon appetito a tutti.

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.