Crea sito

Zuppa valpellinese con chiodini

Zuppa valpellinese con chiodini
Zuppa valpellinese con chiodini

 

 

 

 

 

 

 

 

Volevo preparare una zuppa utilizzando il pane di segale, avuto per la collaborazione dalla azienda Pema, perché ritengo un pane molto idoneo a questo tipo di preparazione.

Ho trovato la ricetta della zuppa valpellinese e l’ho ritenuta veramente interessante.

Così do deciso di preparare la zuppa valpellinese modificata…

Ma modificata da cosa?

Ma dai gustosissimi e piccoli funghi chiodini che le hanno portato valore aggiunto…in gusto e bontà.

Con i primi freddi…gustiamoci con piacere questa zuppa calda; un classico dei piatti italiani…la zuppa Piatto unico con ortaggi e formaggi filanti con fragrante pane di segale, proposta appetitosa per calde cene d’inverno.

 

Ingredienti x 4:

 

300 g. di verza

200 g. di fontina valdostana

200 g. di funghi chiodini

8 fette di pane di segale Pema

brodo di carne q.b.

burro

aglio

prezzemolo

sale

olio e.v.o.

pepe (facoltativo)

Zuppa valpellinese con chiodini.2

Procedimento:

Preparare del brodo meglio se di carne oppure col dado.

Pulire il cavolo verza, lavare bene e foglie e tagliarle a striscioline.

Cuocere nel brodo le verze facendo restringere ed evaporare buona parte del brodo.

Tostare intanto le fette di pane e tagliare a dadini il formaggio.

Pulire i funghi chiodini, meglio se quelli piccoli. Pelare e tagliare lo spicchio di aglio e rosolarlo insieme ad un filo d’olio. Aggiungere i funghi e trifolarli.

Quando saranno cotti aggiungere il prezzemolo tritato.

Imburrare le singole terrine di coccio, adagiare sul fondo una fetta di pane di segale Pema.

Estrarre e sgocciolare la verza ormai cotta e metterla in una ciotola, unire i funghi trifolati e mescolare bene i due ingredienti.

Coprire completamente ogni fetta di pane con le verde, mettere abbondante fontina.

Aggiungere ancora una fetta di pane e coprire con le verze. Finire con la fontina.

Aggiungere del brodo e mettere dei pezzetti di burro.

Infornare per circa 30 minuti a 170°.

Servire la “soupa” valpellinese ben calda

NOTA: io ho messo i cocci dentro al microonde e lasciato andare alla massima temperatura per 2 giri da 5 minuti cadauno.

Se questa ricetta è stata di tuo gradimento e vuoi rimanere costantemente aggiornata seguimi su Facebook Twitter

Pubblicato da vincenzina52

Saluti a tutti! Sono Vincenzina, Enza per gli amici. Ho 60 anni, 2 figli e tanta passione per la rielaborazione di ricette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.