Secondi

Calamari che sembrano fritti

Calamari che sembrano fritti

Calamari che sembrano fritti, un’idea geniale. La ricetta, o meglio la modalità di esecuzione  mi è stata suggerita tempo fa da un’amica. Quante volte ci capita di aver voglia di una bella frittura di calamari ma ci rinunciamo pur di non friggere? Bene oggi vi mostro come  preparare i calamari che sembrano  fritti. Vi assicuro, sono buonissimi, per questo vi consiglio di provare al più presto la ricetta. Non la lascerete più, la rifarete spesso, perché i calamari risultano croccanti e più digeribili.  Ho una raccomandazione importante da fare, non sostituite la farina di semola di grano duro rimacinata con quella 00. Se i calamari sono freschi e non quelli surgelati è meglio. Detto questo, seguitemi per la ricetta!!!!

Calamari che sembrano fritti

 

 

INGREDIENTI

 

4 calamari freschi (peso all’incirca 1KG e 200)

farina di semola di grano duro rimacinata q. b

olio evo q.b

sale q.b pepe q.b

 

PROCEDIMENTO

 

Lavare, pulire i calamari e tagliarli a tondini, la classica forma per friggerli e metterli poi in un colapasta per far colare tutta l’acqua in eccesso.

Mettere un quantità di farina di semola di grano duro nel setaccio apposito per infarinare il pesce insieme ad una quantità di calamari, infarinarli, poi sempre con l’apposito utensile setacciarli per eliminare tutta la farina in eccesso.

Terminati tutti i calamari, sistemarli sulla placca del forno rivestita di carta da forno, ben distanziati tra loro, salare e mettere un filo abbondante di olio evo.

Infornare in forno caldo 200° io ho usato la modalità grill con circolo dell’aria per 25 minuti circa.

Il tempo è indicativo varia da forno a forno, dopo circa 10 minuti aprire e girare i calamari.

Continuare la cottura fino a che  i calamari sono croccanti e dorati.

Servirli con un pizzico di pepe, e se piace qualche goccia di limone.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

5 thoughts on “Calamari che sembrano fritti

    1. Clara, sei un tesoro, ti assicuro che sono proprio buoni, spero che un giorno li assagerai, magari a casa mia, se riusciamo ad organizzarci 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.