Contorni

Melanzane a scarpone

Melanzane a scarpone

Melanzane a scarpone una  ricetta tradizionale tutta napoletana. Si tratta di un contorno eccezionale e profumato, una vera delizia per il palato, leggermente calorico perchè le melanzane sono fritte, ma ogni tanto uno strappo alla regola si può fare, infatti questo piatto più che contorno può sostituire un secondo. Preparazione tipicamente estiva quando le melanzane sono di stagione, belle turgide, saporite e dalla buccia lucente, la polpa è ben compatta, infatti friggendola assorbe meno olio. La ricetta che vi propongo è la ricetta di mia suocera, ma come tutte le ricette tradizionali ne esistono varie versioni. Vi invito a provarla perchè ne vale assolutamente la pena.

melanzane a scarpone

 

INGREDIENTI X 6 MELANZANE A SCARPONE

6 melanzane

1 spicchio di aglio

olio per friggere

 

15 pomodorini in scatola

un filo di olio evo

1 spicchio di aglio

sale, pepe

basilico abbondante

una ventina di olive nere di gaeta denocciolate

2 fettine sottili fi formaggio a pasta filata o sottilette

 

PROCEDIMENTO

Lavare e spuntare le melanzane, prendere 3 e tagliarle a metà nel senso della lunghezza, scavare il centro più possibile.

Tagliare la polpa a dadini e tagliare a funghetto le altre 3 melanzane.

In un tegame mettere abbondante olio per frittura insieme allo spicchio di aglio e friggere prima i gusci di melanzane e poi quelle a funghetto. Mettere a colare tutto su carta assorbente. Salare leggermente.

In un tegame mettere lo spicchio di aglio un filo di olio evo e far rosolare aggiungere poi i pomodorini, salare pepare e far cuocere per pochi minuti, aggiungere a questo punto le olive e subito dopo le melanzane a funghetto con il basilico, per ultimo il formaggio filante che fa da legante ed amalgama bene il tutto.


Riempire con questo composto i gusci di melanzane. Servire ben calde.

melanzane a scarpone foto 2

Buon appetito, non saziano mai, ci vuole sempre il bis!!!!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.