Dolci vari · Pasqua

La pastiera napoletana dolce della tradizione

La pastiera napoletana

La pastiera napoletana dolce protagonista delle festività Pasquali.  Un dolce ricco e dal sapore unico ed aromatico, un guscio di pasta frolla che racchiude un ripieno morbido e spugnoso. Come vuole la tradizione questo dolce va preparato con qualche giorno di anticipo prima di essere consumato, generalmente il giovedì santo, e gustato la Domenica di Pasqua.

La pastiera napoletana, dolce della tradizione

 

 

 

INGREDIENTI X 2 PASTIERE DIAMETRO 22 CM

PER LA PASTA FROLLA

500gr di farina
200gr di burro
200gr di zucchero
3 uova  + 3 pz di sale
1 bustina vanillina
la scorza grattugiata di 1 limone

RIPIENO

Grano cotto gr 400, latte gr 200, burro gr 30, la buccia di un limone grattugiata 1 pizzico di sale.

Ricotta romana asciutta gr 500
zucchero gr 450
10 uova di cui 5 intere  5 tuorli
2 fialette aroma  fior d’arancio
2 bustine vanillina pura
1/2 cucchiaino di cannella ( 2 gr)
2 cucchiai di liquore strega (15 gr)
50 gr scorza d’arancia a cubetti (o a chi piace cedro misto)

PROCEDIMENTO

Un giorno prima.

Preparare la pasta frolla: Mettere sulla spianatoia la farina, lo zucchero, le uova il burro a pezzi freddo, iniziare ad impastare fino ad ottenere un composto liscio e compatto. avvolgere con pellicola e mettere in frigo.

Cuocere il grano, con il latte, il burro e la buccia del limone  a fuoco moderato, farlo bollire fino a quando non diventa una crema, girando continuamente, a cottura ultimata mettere in una ciotola a raffreddare.

Passare la ricotta al setaccio, unire lo zucchero e mettere a riposare in frigo tutta la notte.

Il giorno dopo:

Prendere il composto di ricotta e zucchero, aggiungere le uova, le fialette di fior d’arancio, la vanillina, la cannella, il liquore strega ed infine la crema di grano e i canditi, amalgamare bene il composto.

A questo punto foderare la teglia leggermente unta di burro di pasta frolla.

riempire con il composto, e guarnire con strisce di pasta frolla sottili.

Infornare in forno 180°  modalità statico per circa 1 ora e 15 minuti, poi dipende dal forno, fare la prova stecchino.

Terminata la cottura far assestare la pastiera in forno con porta aperta fino al completo raffreddamento.

 

 

 

 

6 thoughts on “La pastiera napoletana dolce della tradizione

    1. Ciao Miriam per queste dosi ci vuole uno stampo da 30, se non vuoi diminuire le dosi ne fai una più piccina tipo stampo 18 🙂

  1. Buongiorno, l’ho fatta, preparata il venerdì…un profumo fantastico…forse avrei dovuto cuocerla 5 minuti di più ma ne sono rimasta soddisfatta lo stesso..la prossima sarà perfetta.
    Ma se dovessi dimezzare le dosi che tortiera mi consigli di usare? …grazie come sempre.

    1. Miriam, ciao, spero che tu abbia passato una Buona Pasqua. Allora, la difficoltà della pastiera è proprio la cottura, lenta e lunga, ogni forno è diverso, di solito molte persone hanno difficoltà a cuocerla sotto, la prossima volta metti cottura prima solo sotto per mezz’ora e poi sopra e sotto il resto del tempo. Se dimezzi la dose credo che potresti usare uno stampo diametro 22 massimo 24. Ciao buona giornata e grazie 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.