Crea sito

Yin e Yang alla carbonara

Yin e Yang alla carbonara
Yin e Yang alla carbonara

 

 

 

 

 

 

 

Yin e Yang alla carbonara, ossia tagliatelle bianche e nere al carbone.

In commercio esistono le tagliatelle o spaghetti al nero di seppia. Io ho voluto realizzare la pasta bianca-nera non in omaggio alla Juventus (non amo il calcio) ma pensando al simbolo della medicina cinese Yin e Yang perché mi è sempre piaciuto…solo che realizzarlo con la pasta non era possibile, non ne sono stata capace, così mi sono fermata alle tagliatelle.

Yin_e_Yang

 

 

 

 

 

 

 

 

L’utilizzo nel carbone non ha variato il gusto alla pasta ma ha portato i benefici propri del carbone ed ha reso bello il piatto.

 

Ingredienti x 4:

per l’impasto bianco:

300 g. di farina di grano duro

3 uova

1 pizzico di sale

acqua q.b. (solo se serve)

olio evo

 

per l’impasto nero:

500 g. di farina

5 g di carbone vegetale in polvere

5 uova

1 pizzico di sale

per il condimento: 

4 uova

100 g. di pancetta affumicata

100 g di parmigiano grattugiato

1   confezione di panna da cucina

 

Procedimento:

Yin e Yang alla carbonara, vediamo insieme come si prepara questo squisito primo piatto preparato con le tagliatelle all’uovo e le tagliatelle al carbone.

L’utilizzo nel carbone non ha variato il gusto alla pasta ma ha portato i benefici propri del carbone ed ha reso bello il piatto.

Come ho più volte affermato io l’impasto lo lascio fare alla macchina del pane…

Yin e Yang alla carbonara.2

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per prima cosa ho preparato l’impasto bianco inserendo tutti gli ingredienti nella macchina ed azionando il programma impasto.

Quando l’impasto era pronto l’ho avvolto nella pellicola da cucina e tenuto al fresco avvolto nello strofinaccio in attesa di preparare l’impasto nero.

Per preparare l’impasto nero ho inserito nella macchina la farina e l’ho mescolata a mano con il carbone, ho aggiunto le uova, il sale ed una tazzina da caffè di acqua.

Ho selezionato il programma per l’impasto e intanto che la macchinaimpastava per me, io mi sono dedicata ad altro.

Quando l’impasto era pronto l’ho avvolto nella pellicola da cucina e tenuto al fresco avvolto nello strofinacci per almeno 30 minuti.

 

yin e yang alla carbonara

Trascorso questo tempo prelevare un poco di impasto alla volta, reimpastarlo e poi stenderlo a sfoglia sottile sulla spianatoia infarinata o direttamente con la macchina tirasfoglia.

Ricavare, nel senso della lunghezza delle striscioline dalla larghezza voluta.

Potrei usare la macchinetta taglia pasta ed averle così tutte uguali ma io preferisco l’irregolarità delle dimensioni e le taglio a mano, nel senso della lunghezza della sfoglia. Per dare anche quel tocco in più di “homemade”.

Trasferire man mano le tagliatelle ottenute su uno strofinaccio e lasciarle asciugare.

 

Yin e Yang alla carbonara.4

 

 

 

 

 

 

 

 

Preparate in questo modo entrambi gli impasti, nero e bianco.

Mescolare tre loro i due tipi di tagliatelle.

Faccio come mia mamma mi ha insegnato, cucinava sempre il giorno dopo.

Mettere a bollire l’acqua e lessare intanto la pasta in acqua abbondante e salata. Scolarla quando è pronta.

Intanto preparare il sugo facendo soffriggere, lasciandola bella croccante, la pancetta.

In una ciotola mescolare 3 tuorli ed un uovo intero con un pizzico di sale. Aggiungere il parmigiano grattugiato e la panna da cucina.

Mescolare tutto bene e solo quando la pasta è pronta aggiungere al sugo la pancetta croccante, la pasta e mescolare velocemente.

Servire subito.

NOTA 1: io utilizzo la panna da cucina per evitare gli albumi, tanti mettono l’uovo intero…a noi piace così. Con anche tanto formaggio.

NOTA 2: con i ritagli ti pasta ho realizzato dei quadratini ed ho ottenuto i quadrotti di pastina. (foto 11)

Pubblico con felicità ciò che ricevo…

cook

molino

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

yin

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Se questa ricetta è stata di vostro gradimento e vorrete rimanere costantemente aggiornate seguitemi su Facebook Twitter

 

Pubblicato da vincenzina52

Saluti a tutti! Sono Vincenzina, Enza per gli amici. Ho 60 anni, 2 figli e tanta passione per la rielaborazione di ricette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.