Crea sito

Marmellata di Mele Cotogne

Molti di voi conosceranno sicuramente la cotognata, marmellata solida di mele cotogne asciugata nelle forme di terracotta o metallo della tradizione centro-meridionale italiana. Questa che vi propongo è la meno nota versione spalmabile che prevede un procedimento diverso, ma che conserva ugualmente tutte le proprietà di un frutto che ormai è in via d’estinzione e che invece nella stagione autunnale era molto usato dai miei nonni. La marmellata e la cotognata venivano considerate delle vere prelibatezze da conservare per tutto l’anno e da consumare con parsimonia o durante le feste ed occasioni speciali o addirittura, grazie alle proprietà benefiche della mela cotogna, venivano date come dolce e nutrimento energetico ai malati e ai bambini. Questo perché una delle molte proprietà di questo frutto è non solo l’elevata digeribilità, grazie alla presenza dell’acido malico che possiede caratteristiche antinfiammatorie gastro-intestinali, ma anche, per via dell’alta percentuale di pectina contenuta, un valido aiuto per tenere sotto controllo i livelli di colesterolo e glicemia.

  • Preparazione: circa 30-45 Minuti
  • Cottura: 20+15 Minuti
  • Difficoltà: Bassa
  • Porzioni: circa 2 vasetti da 500g
  • Costo: Basso

Ingredienti

  • Mele Cotogne (pesate con la buccia) 500 g
  • Zucchero 500 g

Preparazione

  1. Spazzolare e lavare bene le mele cotogne in modo che perdano tutta la peluria presente sulla buccia. Tagliarle a fettine con la buccia. Pesare le fettine ricavate fino a raggiungere 500 g. Riporle in una pentola e coprirle d’acqua. Cuocere a fuoco medio per circa 20 minuti, finché non diventino morbide (basta pungerle con una forchetta per controllarne la cottura). Quando le fettine saranno cotte, prelevarle con una schiumarola o mestolo forato, lasciando l’acqua di bollitura nel tegame a fuoco spento. Passarle nel passatutto fino ad ottenere una purea fine. Cuocere la purea a fuoco basso nella pentola dov’era rimasta la precedente acqua di cottura delle mele cotogne finché non riprende a bollire, aggiungere 500 g di zucchero e mescolare energicamente con un cucchiaio di legno, toccando bene tutto il fondo del tegame, per non fare attaccare la marmellata che dopo 6-7 minuti di cottura a fuoco basso sarà pronta. Versare la marmellata calda in vasetti di vetro da 250 o da 500 grammi a temperatura ambiente e precedentemente sterilizzati, secondo i metodi più tradizionali di bollitura o al forno. 🙂

Note

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: