Pesto agli aromi dell’orto

Pesto agli aromi dell’orto

Le erbe aromatiche mi piacciono tantissimo e cerco di utilizzarle nei piatti che preparo. Quest’anno alle mie solite erbe aromatiche ho aggiunto l’aneto e questo sabato ho voluto preparare un pesto agli aromi dell’orto.

Ingredienti

  • 15 foglioline di menta
  • 10 foglie di salvia
  • 2 rametti di rosmarino
  • 20 grammi di basilico
  • 10 grammi di erba cipollina
  • 5 grammi di prezzemolo
  • 3 rametti di aneto
  • 15 grammi di pinoli
  • 40 millilitri Olio extra vergine d’oliva
  • 20 grammi do grana padano
  • Pepe

Pesto agli aromi dell'orto

Come fare il pesto agli aromi dell’orto

1. Lavate bene tutte le erbe aromatiche sotto l’acqua corrente e lasciatele sgocciolare in un colino, Asciugate bene tutte le erbe con della carta assorbente o con un panno.

2. Prendete il mixer e mettetele nel cestello con i pinoli, il pepe, il grana padano e  un pò di olio. Azionate il mixer per un paio di minuti fino a sminuzzare gli ingredienti. Io prima di mettere le erbe nel mixer le sminuzzo grossolanamente con la mezzaluna e questa con questa operazione mi sembra che nel mixer si sminuzzino più facilmente. Unite il restante olio a poco a poco fino ad ottenere una consistenza cremosa. Aggiustate eventualmente ancora di pepe  o aggiungendo un pò di grana padano. Conservate il pesto agli aromi dell’orto  in frigorifero

Curiosità sull’aneto

L’uso dell’aneto nella medicina popolare iniziò già presso i Greci che credevano questa pianta capace di sedare attacchi epilettici econtrastare sortilegi. Ancora oggi l’uso dell’aneto ricorre in alcuni rituali esoterici.
Nelle cucine dell’Antica Roma l’aneto era molto amato. Questa spezia abbondava soprattutto nel cibo dei gladiatori visto che si riteneva avesse la proprietà di aumentare la forza fisica.
Nel Medioevo l’aneto era invece apprezzato come rimedio naturale per i disturbi dello stomaco e l’insonnia.

L’aneto potrebbe essere considerato un antenato del chewingum: negli Stati Uniti, in passato, i semi di aneto e di finocchio erano chiamati meeting seed (semi delle riunioni), poiché in chiesa venivano dati da masticare ai bambini per farli stare buoni durante i lunghi e noiosi sermoni.

Ti invito a lasciare un commento e ad iscriverti al blog per ricevere via mail le nuove ricette

(Visited 716 times, 1 visits today)
Precedente Tortelloni spinaci e ricotta Successivo Tagliolini al pomodoro