Calamarata in crudaiola di pomodoro con cozze e uova di lompo

La calamarata in crudaiola di pomodoro con cozze e uova di lompo è un piatto un po’ sofisticato nel gusto, particolarmente adatto agli amanti del mare e dei meravigliosi frutti che ci offre ogni giorno. I colori vivi ed il sapore forte sono accompagnati da una nota acida di pomodoro, lasciato appositamente crudo, e dalla freschezza del basilico.

Se la provate una volta, la vorrete rifare sicuramente!

Ingredienti:

  • 320 g di calamarata
  • 1 kg di cozze fresche sarde
  • 500 g di pomodoro rosso (da insalata o a grappolo)
  • 3 cucchiai di uova di lompo
  • 1 mazzetto di basilico
  • erba cipollina
  • olio evo
  • sale
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 bicchierino di vino bianco
  • prezzemolo fresco
  • 2 cucchiai di succo di limone

Per prima cosa, pulite accuratamente le cozze dal filo esterno e dai vari residui situati sui gusci. Io le lascio anche spurgare in acqua fredda per almeno un’ora, prima di cuocerle.

Scaldate prima la padella con un filo d’olio e gli spicchi d’aglio disanimati e tagliati; se vi piace sentirne il sapore, vi consiglio di tritarli, in caso contrario potrete semplicemente dividerli a metà. Lasciate che dori e aggiungete il vino bianco ed il succo di limone. Appena comincia a sfumare, buttate le cozze, tutte insieme. Mantenete la fiamma a medio-alta e coprite con un paraschizzi o un coperchio. Contate, da questo momento, circa 60 secondi o poco più. Scaduto il tempo, saltate le cozze e spegnete la fiamma. Sgusciate le cozze e conservate il sughetto.

Ora è il momento della crudaiola. Potete decidere di lasciare i pomodori interi e passarli al minipimer, ma io vi consiglio di farli a modo mio per evitare di mangiarne anche la buccia: scottate i pomodori interi per circa 20 secondi in acqua bollente. Ripescateli e immergeteli subito in una ciotola di acqua fredda. Spellateli e tagliateli a metà, estirpate i semi con l’aiuto di un cucchiaio e passate la sola polpa al minipimer, assieme ad erba cipollina, sale, un bel filo d’olio, qualche foglia di basilico, fino ad ottenere una salsa liscia e molto lenta. Aggiungete a questa salsa l’acqua delle cozze, e le cozze stesse. Versate tutto in padella (spenta!) e mettete a cuocere la calamarata.

Quando mancherà un minuto alla scolatura, accendete il sughetto e tenete la fiamma alta. Versatevi la pasta al dente e saltate per circa un minuto, aggiungendo olio evo, prezzemolo tritato, un cucchiaio di uova di lompo e poca acqua di cottura, se necessaria.

Servite in tavola, cospargendo la calamarata con le altre uova di lompo. Eccovi la delizia calda, pronta per essere mangiata…e accompagnata da un buon bicchiere di Verduzzo!

 

 

Precedente Pane senza impasto (o No Knead Bread) Successivo Fior di carota farcito con formaggio speziato e uova di lompo