Pandoro

. ll pandoro è il classico dolce che io adoro… siamo lontani dal Natale manca ancora un pò ma nessuno ci vieta di fare le prove tecniche di dolci natalizi. Ho deciso  quindi di sperimentare questa ricetta trovata nel web  con qualche  mia piccola modifica  per il procedimento che troverete  a fine pagina .

Il risultato è quello che vedete in foto…il sapore?

Ottimo provate! 🙂

Pandoro
Pandoro

INGREDIENTI

Per il lievitino:
60 g di acqua tiepida
50 g di farina manitoba
13 g di lievito di birra fresco
10 g di zucchero semolato
un tuorlo d’uovo a temperatura ambiente

Per il primo impasto:
la massa del lievitino

225 g di farina manitoba
un uovo medio a temperatura ambiente
30 g di burro a temperatura ambiente
25 g di zucchero semolato
5 g di lievito di birra fresco
2 cucchiai di acqua tiepida

Per il secondo impasto:
la massa del primo impasto
225 g di farina manitoba
100 g di zucchero semolato
2 uova medie a temperatura ambiente
un cucchiaino raso di sale fino
una bacca di vaniglia
1 fiala di limone
1 di rum

Per la sfogliatura:
140 g di burro a temperatura ambiente
farina q.b.
Per decorare:
zucchero a velo q.b.

Pandoro

Procedimento:

Preparate il lievitino: in una ciotola sciogliete il lievito di birra nell’acqua tiepida, aggiungete lo zucchero, la farina e il tuorlo. Mescolate bene e lasciate lievitare finché l’impasto sarà raddoppiato (circa 1 ora).
Preparate il primo impasto: versate il lievitino nella planetaria, quindi aggiungete il lievito sciolto nell’acqua tiepida. Aggiungete anche l’uovo, lo zucchero, la farina setacciata e il burro ammorbidito tagliato a pezzetti. Impastate con il gancio per qualche minuto finché tutti gli ingredienti si saranno ben amalgamati. lasciate lievitare finché il volume sarà raddoppiato (circa 1 ora).

Preparate il secondo impasto: sempre all’interno della planetaria, unite all’impasto lievitato lo zucchero, la farina setacciata, le uova, il sale e i semi della bacca di vaniglia la fialetta di limone e quella di rum. Lasciate impastare per 10 minuti, è importante che l’impasto risulti liscio e incordato. Lasciate lievitare fino al raddoppio del volume (circa 1 ora e mezza).
Trasferite la ciotola con l’impasto in frigorifero per circa 30 minuti.

Versate l’impasto sulla spianatoia infarinata. Con il mattarello stendete l’impasto cercando di mantenere la forma di un quadrato spesso circa 1 cm e largo 25 cm.

Sulla superficie distribuite il burro a pezzetti e ripiegate i quattro angoli verso il centro (come una busta); a questo punto avrete formato un quadrato più piccolo ben sigillato con il burro all’interno. A questo punto stendete nuovamente la sfoglia ottenendo un rettangolo avente circa una lunghezza pari a tre volte

la larghezza (larghezza= circa 15 cm e lunghezza= circa 45). Piegate la parte superiore della sfoglia verso il centro e la parte inferiore su quella superiore in quella appena piegata (piega a tre della pasta sfoglia).
Avvolgete il panetto nella pellicola trasparente e fate riposare in frigo per 30 minuti.
Ripetete di nuovo la piega a tre, quindi ungete il panetto con noce di burro fusa, formate una palla con le mani e posizionatela nello stampo per pandoro ben imburrato. Le chiusure della palla dovranno essere rivolte verso l’alto visti che, terminata la cottura, il pandoro verrà capovolto. Lasciate lievitare il pandoro coperto da pellicola unta d’olio per circa 8-10 ore a temperatura ambiente, dovrà raggiungere o di poco superare il bordo dello stampo (circa 26 gradi senza correnti d’aria).
Cuocete il pandoro a 170° (forno già caldo) per circa 15 minuti. Abbassate a 160° e continuate la cottura per circa 45-50 minuti aggiungendo un foglio di carta di alluminio sulla superficie quando sarà ben dorata.

Lasciate raffreddare completamente all’interno del suo stampo.
Sformate il pandoro, spolverizzatelo con abbondante zucchero a velo e servite!
Potete conservarlo in un sacchetto per alimenti ben chiuso, rimarrà fragrante come appena sfornato.
Note:
All’impasto ho aggiunto una fialetta di aroma di limone e una di rum.
Prima di mettere il pandoro a lievitare ho unto leggermente lo stampo.
Ho coperto il pandoro durante la lievitazione ma senza mettere olio sul foglio di pellicola alimentare e l’ho tolto prima che il pandoro raggiungesse il bordo durante la lievitazione.

Lasciato lievitare in forno con lucina accesa.
Ho cotto il pandoro con funzione statico a 175° per 45 minuti.
L’ho lasciato riposare 10 ore circa capovolto sulla graticola.

(Visited 428 times, 1 visits today)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.