Primo test sull’uomo del vaccino antirabbico

#AccaddeOggi 

lunedì 6 luglio 1885

Un morso di un cane affetto da rabbia e si finiva all’altro mondo dopo giorni di atroci sofferenze. Il triste destino cui andavano incontro coloro che contraevano l’idrofobia, molto diffusa nell’Europa d’inizio XIX secolo. Il chimico e biologo francese Louis Pasteur scoprì la cura adatta, intuendo il modo in cui il virus si propagava negli organismi, scatenando la malattia. Intenzionato a testarlo su di sé, dopo i risultati positivi sugli animali, si trovò costretto a provarlo per la prima volta su un caso disperato: un bambino alsaziano di nove anni, Joseph Miester, morso in più punti e ridotto allo stremo delle forze.

Il piccolo entrò nella storia la notte del 6 luglio 1885: nel laboratorio di rue d’Ulm, a Parigi, gli fu somministrata la prima di dodici dosi del vaccino antirabbico, che gli salvarono la vita. La notizia fece il giro del mondo e nell’arco di tre mesi vennero vaccinate circa 2.500 persone.

Destinatario di riconoscimenti e onori da tutta Europa, Pasteur, poco prima di morire, si vide intitolare a suo nome l’Istituto antirabbico.

 

Leggi anche:

 1,219 total views,  2 views today

Precedente La prima donna Presidente della Camera entra nella storia Successivo Primo viaggio sotto il Polo Nord

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.