tortelli alla ricotta di Iginio Massari

eccomi, ci sono eh! o meglio ci sono i tortelli alla ricotta !

scusate il ritardo 🙂 fra due giorni è martedì grasso ma non potevo anche se in ritardo con condividere la ricetta dei tortelli alla ricotta di Iginio Massari preparati oggi, memore del successo della sua ricetta delle meraviglie non potevo esimermi da provare un altro dolce di carnevale del maestro

è stato un week end intenso ma di questo parlerò la prossima volta, oggi siamo già di fretta, la ricetta è facile e garantita da un grande maestro appunto,  leggerissimi e golosissimi uno tira l’altro

e quindi veloce veloce ancora in tempo per concederci un ultimo sfizio ecco la ricetta con spiegazione per la perfetta riuscita dei tortelli alla ricotta

tortelli alla ricotta di Iginio Massari-001

TORTELLI ALLA RICOTTA

ATTREZZATURA

pentola e cucchiaio di legno, planetaria con foglia o frullino con i ganci o ciotola e frusta, sac a poche senza bocchetta, sac a poche con bocchetta liscia n°6 (o siringa per farcire), pentola per friggere dai bordi alti, schiumarola, carta assorbente, coltello e brocca

INGREDIENTI

  • 250gr di acqua
  • 12gr di zucchero semolato
  • 5gr di sale
  • 125gr di burro
  • 225gr di farina
  • scorza grattugiata di mezzo limone
  • 300gr di uova (circa 6 medie)
  • 1 litro di olio per friggere
  • 250gr di ricotta vaccina
  • 75gr di zucchero a velo
  • zucchero a velo per decorare

PROCEDIMENTO

per prima cosa setacciate la ricotta e aggiungeteci lo zucchero a velo, lavorate con una forchetta fino ad avere un composto liscio,

mettete in un sac a poche con bocchetta liscia e riponete in frigo

mettete in un pentolino l’acqua con il burro a pezzetti il sale e lo zucchero e fate scaldare bene sfiorando il bollore,

il burro dovrà essere sciolto prima che l’acqua arrivi a bollore altrimenti con l’evaporazione si sbilancerebbe la ricetta

versate in un colpo la farina nella pentola e con la frusta lavorate il composto fino a quando lascerà i bordi e il fondo puliti staccandosi bene e formando un’unica massa all’incirca ci vorranno due minuti

a questo punto mettete in planetaria con la frusta (o in una ciotola con il frullino) e fate girare un paio di minuti per farlo intiepidire

aggiungete le uova a filo, e alla fine la scorza della buccia di limone grattugiata

dovrete ottenere un composto molto simile a una crema pasticcera nè troppo liquida nè troppo soda

una volta arrivati a questa consistenza, lavorate un altro minuto il composto e poi mettetelo in un sac a poche senza bocchetta alla quale taglierete la punta lasciando un foro del diametro di 1 centimetro e mezzo

mettete l’olio in una pentola dai bordi alti e portate a 176 gradi

versate l’impasto direttamente nell’olio bollente tagliando ogni due cm di pasta con l’aiuto di un coltello bagnato (attenzione a far sgocciolare l’acqua in eccesso sul bordo di una brocca dove avrete messo l’acqua per bagnare il coltello, altrimenti eventuali cadute nell’olio bollente potrebbero provocare schizzi)

riempite la pentola per metà poichè i tortelli raddoppieranno di volume

con l’aiuto di una schiumarola tenete i tortelli sommersi dall’olio, avranno due tipi di sviluppo, il primo uniforme che li aumenterà di volume, dopo di che si spaccheranno ingrandendosi ancora, controllate spesso la temperatura dell’olio

i tortelli dovranno essere dorati, se la temperatura è troppo alta ‘è il rischio che non su cuociano bene dentro

mettete a scolare su carta assorbente e continuate fino a terminare l’impasto,

fate raffreddare e farcite con la ricotta, spolverizzate con zucchero a velo e buon carnevale!

vi aspetto sulla mia pagina facebook per restare sempre aggiornati sulle ultime ricette

Molte mie Ricette sono state pubblicate nel Sito→ #RicetteBloggerRiunite♥

Grazie al Gruppo @RBR♥
http://ricettebloggerriunite.it

tortelli alla ricotta di Iginio Massari 1

 

(Visited 1.392 times, 1 visits today)

40 commenti su “tortelli alla ricotta di Iginio Massari

  1. grazie per la ricetta .. davvero ottimi e complimenti a te per averla realizzata!

  2. Io ogni volta che devo riprodurre qualche ricette di un maestro mi inizia a salire l’ansia… Nella tua spiegazione invece traspare tranquillità e fierezza! Complimenti perchè la ricetta è garantita e la tua foto parla da sola… mi son segnata la ricetta e la proverò più tardi :*

    1. marilù grazie per il meraviglioso commento, avere tranquillità nello scrivere è dato dal fatto che hai già fatto la ricetta più volte, per testarla per i tuoi lettori, in modo che almeno loro possano avere la tranquillità anche nel realizzarla! un bacio!

I Commenti sono chiusi.