polpette di recupero al taglio

Polpette di recupero al taglio. Ottime.

Polpette di recupero al taglio

Polpette i recupero al taglio
Polpette i recupero al taglio

Polpette realizzate per utilizzare il lesso preparato in più. Lesso fatto con il cappello di prete, taglio molto gustoso e morbido che solitamente uso anche per preparare il brasato o per delle piccole bistecchine molto saporite.

Quindi largo alle polpette di recupero al taglio

 

Ingredienti x 4:

  • 2 o 3 pezzi di lesso avanzato
  • 1 o 2 uova
  • 40 g di provolone dolce
  • aromi in polvere
  • 1 fetta di petto di pollo
  • 150 g di pane raffermo misto
  • 50 g di parmigiano grattugiato
  • sale fino
  • olio per friggere

 

Procedimento:

Vediamo insieme come realizzare queste golose polpette di recupero al taglio. Inserire nel mix il pane spezzettato. Io non acquisto sempre lo stesso pane….dipende da quale panifico frequento. Mi piace tanto il pane ai cereali e quando avanza lo inserisco ben volentieri nella preparazione delle polpette.

Dicevamo….mettere il pane spezzettato nel mix e azionarlo per qualche minuto.

Aggiungere il provolone a pezzetti e tritare ancora per qualche minuto. Si dovranno ottenere dei piccoli e ben distinti pezzetti.

Trasferire un bel pò in una capiente ciotola e nel mix unire il petto di pollo, già lavato e asciugato, a pezzi grossolani.

Tritare sempre lasciando che si veda distintamente ogni ingrediente.

Aggiungere il petto di pollo tritato nella ciotola e unire un pizzico di sale fino e un pizzico di aromi misti in polvere.

Mescolare con una forchetta e aggiungere sia il parmigiano grattugiato che l’uovo. Mescolare e se necessita aggiungere anche il secondo uovo.

Prelevare col cucchiaio parte dell’impasto e tra le mani formare una pallina per poi appiattirla. Preparare in questo modo tutto l’impasto.

Scaldare l’olio per friggere e cuocervi le polpette. Man mano che vengono pronte adagiarle sulla carta da cucina ad assorbire l’unto in eccesso.

Servirle calde accompagnate da una croccante insalata, tipo la iceberg o la indivia belga.

 

Se questa ricetta è stata di vostro gradimento e vorrete rimanere costantemente aggiornate seguitemi su Facebook Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.