Linguine allo “scoglio sbagliato”

Lo scoglio sbagliato è una mia interpretazione del condimento allo scoglio classico; mi sono chiesta se fosse possibile preparare questo piatto con un budget di 6€ ogni 4 persone. Il risultato? Nessuno vuole più lo scoglio classico!

Ingredienti:

  • 350 g di linguine
  • 600 g di cozze
  • 1 nasello (350 g circa)
  • 300 g di totano
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1/2 bicchiere di vino bianco
  • 1 cucchiaio di concentrato di pomodoro
  • 1 carota piccola
  • 1 pomodoro rosso tondo
  • sale e pepe bianco
  • olio evo
  • prezzemolo fresco
  • limone

Per prima cosa, pulite accuratamente le cozze dal filo esterno e dai vari residui situati sui gusci. Io le lascio anche spurgare in acqua fredda e sale per almeno un’ora, prima di cuocerle.

La procedura è estremamente veloce, perciò fate ben attenzione a non superare per nessuna ragione i 120 secondi di cottura, altrimenti la naturale bontà delle cozze sarà alterata e loro risulteranno gommose.

Scaldate prima la padella con un flo d’olio ed uno spicchio d’aglio disanimato e tagliato. Lasciate che dori e aggiungete prima il concentrato di pomodoro, e dopo un minuto circa il vino bianco. Appena comincia a sfumare, buttate le cozze, tutte insieme. Mantenete la fiamma a medio-alta e coprite con un paraschizzi o un coperchio. Contate, da questo momento, 60 secondi. Scaduto il tempo, saltate le cozze e spegnete la fiamma. Mettete da parte il sughetto formatosi, e sgusciate la maggior parte delle cozze.

Adesso potete tritare carote e pomodoro, tagliare a metà lo spicchio d’aglio rimasto e pulire il nasello. Sfilettatelo e tagliate la carne a pezzi grossi; tagliate a pezzi anche il totano e mettete in padella tutto insieme.

Mettete tutto sul fuoco medio e sfumate il sughetto delle cozze nello scoglio. Lasciate cuocere per qualche minuto e aggiungete un filo d’olio. Quando tutto sarà cotto, aggiungete anche le cozze e spegnete la fiamma. Aggiustate di sale e di pepe.

Bollite la pasta, scolatela al dente e saltate tutto assieme, addizionando alla pasta del prezzemolo tritato al momento; ungete a crudo appena con un olio, preferibilemente aromatizzato al peperoncino, e servite a tavola con uno spicchio di limone!

 

Precedente Pollo e polenta col riso (ricetta veneta) Successivo Riso rosè saltato con broccoli e salsina allo zenzero