Come tutti gli anni a Natale cerco di fare regali artigianali, fatti da me in casa, evitando di andare in giro per negozi a cercare disperatamente oggetti che potrebbero non piacere o finire nei cassetti dimenticati per tutta la vita. Quest’anno ho provato a fare i panettoncini, molto elaborati sì, ma che soddisfazione veder crescere quella bella cupoletta! E poi quando le tue amiche ti dicono che erano buonissimi nonostante i canditi ti dimentichi di tutta la fatica che hai fatto!

IMG_4888

 

Ingredienti (per 18 panettoncini da 100 g):

  • 500 g di farina manitoba
  • 1 bicchiere di latte
  • 150 g di pasta madre rinfrescata (o 1 cubetto di lievito di birra)
  • 100 g di zucchero semolato
  • la buccia grattugiata di 1 arancia
  • 200 g di burro morbido
  • 2 uova + 4 tuorli
  • 150 g di frutta candita (cedro e arancia)
  • 1/2 bicchiere di rum
  • 160 g di uvetta
  • 160 g di mandorle in scaglie
  • 8 cucchiai di zucchero a velo

Preparazione:

Se lavorate con lievito madre cominciate ad impastare la sera prima: fate intiepidire il latte, mescolatelo nella planetaria con il lievito e 2 cucchiai di zucchero, facendo sciogliere il lievito ed evitando che si formino grumi. Aggiungete la farina setacciata, unite la buccia grattugiata di arancia, il rimanente zucchero e le uova + i tuorli. Azionate la planetaria finché le uova si sono ben assorbite, infine aggiungete gradatamente il burro ammorbidito a tocchetti con la planetaria in funzione. Continuate ad impastare finché l’impasto sarà incordato, ovvero quando si staccherà completamente dalle pareti, quando sarà elastico e allargando una pallina di impasto formerà un velo senza rompersi.

A questo punto lasciatelo lievitare in una ciotola coperta con pellicola e una tovaglia per tutta la notte (almeno un’ora con lievito di birra), il volume dovrà triplicare.

Mentre l’impasto lievita preparate le sospensioni: tritate finemente la frutta candita, scaldate il rum con la stessa quantità di acqua e aggiungetevi la frutta candita e l’uvetta; fate macerare per tutto il tempo di lievitazione dell’impasto. Tostate le mandorle in una padella antiaderente, quindi cospargete con lo zucchero a velo e fatele caramellare. Una volta pronte trasferite le mandorle caramellate su della carta forno e fatele raffreddare. Una volta fredde dividetele nel caso ci siano pezzi più grandi di croccante. Nella prima versione che ho fatto di questi panettoncini ho messo le mandorle sulla superficie (come vedete nelle foto) ma non restano attaccate sulla superficie, neanche con del miele, quindi il mio consiglio è di metterle nell’impasto con le uvette e i canditi.

Quando l’impasto è lievitato rimettetelo nella planetaria insieme ai canditi e le uvette ben sgocciolati e alle mandorle caramellate e impastate finché questi ultimi non saranno ben amalgamati all’impasto. Formate delle palline belle lisce e omogenee di 100 g ognuna e mettetele a lievitare nei pirottini appositi (chiedete proprio i pirottini da panettone da 100 g) finché non raggiungono il bordo, ci vorranno altre 5-6 ore (15-30 minuti con levito di birra). Nell’ultima parte della lievitazione lasciate i panettoncini all’aria, ad asciugare, per far seccare la superficie e permettere la scarpatura: in questo video si vede molto bene come farla. Questo particolare taglio permetterà ai panettoncini di sviluppare maggiormente la cupola. Se avete paura di rovinare i vostri lievitati, fate un semplice taglio a croce con una lametta o un coltello molto affilato.

Una volta lievitati e scarpati i panettoncini, infornate a forno statico e preriscaldato a 180°C per circa 30 minuti. Lasciateli raffreddare poi impacchettateli in sacchettini trasparenti se li volete regalare o gustateli tiepidi se sono tutti per voi!

IMG_4887 IMG_4890 IMG_4886

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.