Crea sito

Zuppa di verza e patate con aglio rosso e pancetta

Zuppa di verza e patate con aglio rosso e pancetta

  • Difficoltà:Bassa
  • Preparazione:20 minuti
  • Cottura:30 minuti
  • Porzioni:4
  • Costo:Medio

Ingredienti

  • Verza 1
  • Patate 2
  • Aglio rosso 2 spicchi
  • Pancetta 100 g
  • Olio extravergine d’oliva q.b.
  • Bicarbonato 1 cucchiaino
  • Sale q.b.
  • Acqua 2 l
  • Nepitella (fresca) 6 foglie
  • Panini ai cereali (raffermo) 1
  • Aromi per arrosto 1 pizzico

Preparazione

  1. ATTENZIONE: VA RIFATTA SIA LA RICETTA CHE LA FOTO- LA RICETTA è PRONTA PER ESSERE PORTATA NEL BLOG

    Zuppa di verza e patate con aglio rosso e pancetta

Note

Zuppa di verza e patate con aglio rosso e pancetta

Lavate e pelate le patate, tagliatele a dadi e tenerle immerse nell’acqua fredda.

Se la verza scelta è piccola usarla tutta, altrimenti utilizzatene solo metà.

Pulite la verza eliminando le foglie esterne ed i tronchetti alle prime foglie.

Tagliatele a striscette le foglie e tenerle a bagno con acqua fresca e un cucchiaino di bicarbonato.

Sciacquate più volte.

Pelate uno spicchio di aglio, tagliarlo in due pezzi e mettetelo in una pentola capiente, aggiungete le verze e le patate. Coprite con l’acqua, regolate di sale e cuocete fino a quando le patate cominciano a sfaldarsi. Spegnete il fuoco.

Tritare , lasciando la zuppa nella pentola, col frullatore ad immersione. Si deve ottenere una zuppa molto solida, ristretta…che quasi il cucchiaio ci stia in piedi!!!

Tenere la zuppa al caldo, cioè con la fiamma al minimo.

Tagliate il pane raffermo, massimo da due giorni, in piccoli dadi. Inserite i dadi in una padella, oliate e fate abbrustolire. Per ultimo dare una spolverata di aromi misti.

Pelate l’altro spicchio di aglio e tagliatelo in piccolissimi pezzi. Metteteli in un padellino insieme alla pancetta a dado ed un filo di olio extravergine di oliva e lasciare abbrustolire la pancetta.

Preparare i piatti, aggiungere la pancetta abbrustolita in ogni piatto e servire subito, accompagnato dai crostini a parte.

Non inseriteli nella zuppa perché assorbendo il brodo si ammollano e perdono la loro croccantezza.

Pubblicato da vincenzina52

Saluti a tutti! Sono Vincenzina, Enza per gli amici. Ho 60 anni, 2 figli e tanta passione per la rielaborazione di ricette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.