Madre Teresa di Calcutta, storia di una santa moderna

#AccaddeOggi 4 Settembre 2016

 

Dai Balcani a Calcutta: il percorso verso la santità di Madre Teresa in 13 tappe.

1910 Anjeza Gonxha Bojaxhiu, la futura Madre Teresa, nasce il 26 agosto a Skopje (nella foto negli anni ’30), nell’attuale Macedonia (allora Impero ottomano) da genitori albanesi.

 

 

1928 Viene accettata come novizia dalle suore di Loreto. Va in Irlanda e poi in India (dove rimarrà per tutta la vita) per il noviziato col nome di Mary Teresa del Bambin Gesù. Madre Teresa è la prima in alto a destra.

 

 

1937 A 27 anni pronuncia i voti perpetui. Insegna al Collegio St. Mary di Entally a Calcutta, in India, di cui sarà anche direttrice. Nella foto, la suora con alcune ragazze a Londra nel 1974

 

 

1946 In treno per Darjeeling, in India, Madre Teresa ha la “chiamata nella chiamata”, dice: d’ora in poi si dedicherà ai “più poveri tra i poveri”. Due anni dopo col permesso di Roma, lascia il convento e l’abito lauretano. Studia da infermiera a Patna in un ospedale di suore. Tornata, apre una piccola scuola e inizia l’apostolato in strada. Nel 1950 viene istituita a Calcutta la Congregazione delle Missionarie della Carità. In questo periodo comincia anche la sua crisi religiosa.

1960 Primo viaggio di Madre Teresa fuori dall’India dopo 32 anni. Va negli Usa per un congresso e poi a Roma, dove incontra il fratello Lazar. Nella foto, Madre Teresa a 55 anni per le strade inglesi con il suo immancabile sari, l’abito tradizionale indiano che dal 1948 la suora di origini albanesi non ha più abbandonato.

 

 

1965 La congregazione diventa di diritto pontificio: da questo momento le Missionarie della Carità possono aprire case anche fuori…Continua a leggere >>

Leggi anche:

391 Visite totali, 1 visite odierne

Precedente La mafia uccide il generale Dalla Chiesa Successivo Accadrà il 6 settembre, ricordatevi di alzare gli occhi al cielo”. Spettacolo della natura in arrivo: è la ‘luna del grano’. Ed ecco perché si chiama così. Tutte le informazioni

Lascia un commento