Pesto di pistacchi, ricetta originale

Il pesto di pistacchio è una salsa gustosissima, super nutriente e assolutamente da provare!

Facile, veloce e da servire a crudo con la pasta (trofie, linguine, fusilli, tonnarelli), o in lasagna con fiori di zucca, o secondi piatti…preferibilmente a base di tonno fresco o carne bovina od ovina, il pesto di pistacchi è sicuramente una delle ricette più amate della cultura culinaria siciliana.

Prima di vedere la ricetta, scopriamo qualcosa di più sul pistacchio:

Il pistacchio è un seme oleoso prodotto da un albero di piccolo dimensioni, la Pistacia vera, originaria dell’Asia Occidentale. Oggi la sua diffusione si concentra nel Mediterraneo e nel Medio Oriente.

La “Pistacia vera” è una pianta simile ad un fico, decisamente longeva e, potremmo dire, anche paziente: può vivere infatti tra i 200 e i 300 anni e solo dopo dieci anni inizia a produrre i primi frutti. I pistacchi, appunto: piccole drupe allungate della grandezza di un’oliva e di colore che varia dal verde-rosso al bianco-rosa. Nel terreno lavico particolarmente duro e roccioso di Bronte, però, questa pianta ha bisogno di un aiuto che le è offerto dal Pistacia Terebinthus, una specie arborea che cresce spontanea in questi terreni difficili. Proprio grazie al Terebinthus, sul quale la Pistacia vera viene innestata, il pistacchio può essere prodotto in questa terra ostile, grazie ad esso gli agricoltori, nei secoli, hanno potuto trovare l’oro verde. Oltre ad essere resistente alla siccità, qualità decisamente utile in queste zone, le sue radici forti, infatti, sono capaci di infiltrarsi nella roccia lavica, rompendola.

Il pistacchio è fondamentale per la prevenzione dell’organismo dallo sviluppo di tumori e ci protegge dallo sviluppo di malattie virali e cardiache grazie all’azione dei grassi monoinsaturi che favoriscono la riduzione del colesterolo cattivo (LDL). Il pistacchio aiuta, invece, ad innalzare il valore del colesterolo positivo, HDL.

(grazie a lorenzovinci.it)

Ingredienti:

  • 200 g di pistacchi
  • 50 g di Parmigiano Reggiano
  • pepe nero
  • sale
  • olio evo

Sgusciate con cura i pistacchi, metteteli nel robot da cucina unendo il parmigiano grattuggiato e date dei colpi di pochi secondi, per frantumare il tutto. Addizionate un bel pizzico di sale ed una spolverata di pepe, e continuate a macinare mentre aggiungete a filo l’olio evo.

Una volta ottenuta la consistenza desiderata, prendete il vostro pesto e mettetelo in barattolo, pronto all’utilizzo. Conservate in frigorifero.

 

Se desiderate un sapore più nitido, potete aggiungere un poco di aglio e di erba cipollina, nonostante nella ricetta originale non siano richiesti; se invece desiderate un gusto più tenue, aggiungete alla ricetta 50 g di arachidi o mandorle.

Precedente Pennoni con cozze, crema al pecorino e arancio Successivo Lasagna ai fiori di zucca e capocollo