Privacy Policy Forno per pizza Ariete 909, pizze perfette in pochi minuti

Forno per pizza Ariete 909, pizze perfette in pochi minuti

Forno per pizza Ariete 909, pizze perfette in pochi minuti. Ecco la mia recensione dopo alcuni mesi di utilizzo.

Il forno per pizza Ariete 909 è uno tra i più consigliati sul mercato se si vuole preparare le pizze come in pizzeria e in maniera abbastanza rapida senza spendere tantissimo.

forno per pizza Ariete 909

Il suo utilizzo è abbastanza vasto perchè grazie alla pietra refrattaria e all’ampia cupola si possono realizzare anche piatti di carne, pane e piccola rosticceria come pizzette e crocchè di patate, ma anche torte rustiche. Il design è il classico Ariete con quel bel rosso acceso e le comodissime maniglie laterali resistenti al calore che servono per sollevare la cupola senza bruciarsi.

Il suo utilizzo è davvero semplice, come prima cosa và fatta riscaldare la pietra a temperatura 5 per almeno 15 minuti, poi si posa la pizza all’interno, si chiude la cupola e si attendono 4 minuti. Io di solito, siccome preparo impasti molto idratati, pre-cuocio nella padella in pietra la base della pizza poi la farcisco e con la pala la inserisco nel fornetto quindi la faccio cuocere circa 3 minuti girandola ogni tanto con la pala per una colorazione omogenea.

Attenzione a non lasciare troppa farina sulla parte inferiore della pizza o sulla pala perchè rischiate di bruciare la pietra refrattaria e di conseguenza di attaccare la base della pizza e di romperla o di biscottare troppo il fondo, cosa che si può rimediare perchè la pietra si pulisce facendo andare il fornetto con cupola chiusa a temperatura massima per un’oretta o due a seconda della mole di sporco. La pietra refrattaria infatti tende con calore elevato ad assorbire lo sporco, però prima bisogna grattare via l’eccedenza, io utilizzo un raschietto non molto invasivo, di quelli per pizzaioli.

pizza surimi, cipolla e capperi

Ieri ho realizzato due pizze con impasto ad alta idratazione 65% una con guanciale sardo, provola e capperi e l’altra con surimi, cipolla in polvere e capperi. Realizzata la base sulla padella in pietra l’ho farcita e poi posata sulla pala per pizza e messa nel fornetto, a metà cottura girata per una colorazione omogenea della crosta e poi quando era pronta tolta con la pala e messa calda sul piatto. Vi assicuro che c’era un bel profumino…

pizza guanciale sardo, provola e capperi

La pietra ha un diametro di 33 cm quindi permette la realizzazione di pizze piccole, medie e un pochino più grandi. Se dovete cuocere ad esempio il pollo arrosto o qualcos’altro di differente vi consiglio l’uso delle teglie da forno mono-uso. Infatti il fornetto per pizza arriva ad una gradazione di circa 400°C, ha una potenza di 1200 watt e non consuma molto. Rispetto al G3 Ferrari che avevo prima questo in bolletta non pesa affatto e viene tranquillamente supportato da un normale impianto elettrico da 3 Kwh.

Se volete potete preparare anche le pizze surgelate, ci vorranno solamente 2 minuti. Vi lascio il link dove acquistarlo:

 

Pubblicato da incucinaconramy

Copywriter, blogger lifestyle e food, adoro cucinare, scrivere, disegnare, amo fare giardinaggio, giocare ai videogames. Sono una persona sensibile, timida e riservata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it_ITItalian
Powered by TranslatePress »