Vegan cream tart ai lamponi e pistacchio:

Una croccante pasta frolla alle mandorle guarnita con crema al limone, purea di lamponi, crema di pistacchio, lamponi freschi e croccante al pistacchio, tutta interamente vegetale.

Avevo voglia di una torta farcita scenografica, bella da vedere e gustosa da mangiare, ma che fosse vegana.

Mi sono messa quindi alla ricerca di ricette e ho collezionato e assemblato quelle che mi inspiravano di più.

Ne è venuta fuori una cream tart vegana bella e dai sapori equilibrati, a me è piaciuta tantissimo.

Fatemi sapere se piacerà anche a voi!

vegan cream tart
  • DifficoltàMedia
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione3 Ore
  • Tempo di riposo1 Giorno
  • Tempo di cottura15 Minuti
  • Porzioni8
  • CucinaItaliana

Ingredienti per una vegan cream tart per 8 persone

Pasta frolla alla mandorla

60 g mandorle in polvere (potete tritare autonomamente le mandorle se non le avete già macinate)
190 g farina tipo 1
100 g zucchero
150 g burro di riso (o altra margarina vegetale)
1/2 limone (la scorza grattugiata)
1 pizzico sale

Crema al limone

400 ml latte di mandorle (senza zucchero)
85 g zucchero
40 g amido di mais (maizena)
1/2 limone (la scorza grattugiata)
1 pizzico sale
300 g panna di soia da montare (montata)

Purea di lamponi

250 g lamponi
2 cucchiai zucchero
1/4 limone (il succo)

Croccante ai pistacchi

40 g zucchero
15 ml acqua
25 g granella di pistacchi

Per guarnire

125 g lamponi
50 g pasta di pistacchi

Passaggi

Per comodità io ho preparato la vegan cream tart in 2 giorni.

Il primo giorno ho impastato e cotto la pasta frolla, fatto la purea di lamponi, il croccante di pistacchi e la crema bianca.

Il secondo giorno ho finito la crema aggiungendo la panna montata e assemblato la cream tart.

Preparate la pasta frolla:

impastate con le dita il burro di riso e lo zucchero aggiungendo anche la scorza di limone e il sale. Per ultime aggiungete la farina tipo 1 e le mandorle ridotte in farina. Impastate fino ad ottenere un impasto omogeneo. Riponete la pasta frolla in frigo a rassodare per almeno 30 minuti.

Preparate adesso la crema al limone:

portate a ebollizione il latte di mandorla con la scorza del limone grattugiata. In un altro pentolino mescolate lo zucchero con l’amido di mais e il sale. Quando il latte bolle, versatene, filtrandolo dalla scorza di limone, un po’ alla volta sulle polveri, avendo cura di mescolare bene per non far formare grumi. Lasciate cuocere la crema al limone su fuoco basso fino a ebollizione, dovrà addensarsi. Una volta pronta versatela in una ciotola e copritela con pellicola a contatto. Fate raffreddare in frigorifero per qualche ora. Quando è ben fredda mescolate la crema con una frusta per farla tornare morbida e cremosa e aggiungete la panna di soia montata.

Cuocete la pasta frolla:

stendete 2 dischi di pasta frolla a circa 4 mm di spessore, tagliate dei cerchi da 22 cm e bucateli con uno stampo rotondo più piccolo, ad esempio con un bicchiere se non avete dei coppa pasta. Con la pasta frolla che vi rimane ritagliate dei biscottini che userete per la decorazione, io ho stampato dei fiorellini. Cuocete la pasta frolla in forno caldo a 180°C, per i dischi ci vorranno circa 15 minuti, per i biscotti circa 7-8 minuti, dipenderà anche dalla dimensione. Una volta cotto tutto lasciate raffreddare.

Preparate la purea di lamponi:

lavate i lamponi e metteteli in padella con lo zucchero e il succo di limone. Le quantità dipenderanno molto dalla maturazione dei lamponi, quelli che ho usato io erano belli maturi e dolci, se avete dei lamponi più acerbi e aspri, aumentate la dose di zucchero e diminuite quella del succo di limone. Fate cuocere per qualche minuto finchè il succo si sarà un po’ addensato. Quando la purea sarà ben fredda, passatela in un colino per filtrare i semini dei lamponi. Fate raffreddare in frigo.

Preparate il croccante:

fate sciogliere in padella lo zucchero e l’acqua, abbastanza per inumidire tutto lo zucchero in modo che si sciolga più uniformemente. Scaldate la granella di pistacchi in un’altra padella o nel forno, questo servirà per non far indurire subito il caramello una volta che li unite in padella. Quando lo zucchero avrà formato un bel caramello dorato, versate la granella e mescolate. Colate il croccante su un tagliere coperto di carta forno, adagiateci sopra un altro foglio di carta forno e stendetelo con un mattarello. Lasciate raffreddare e conservatelo in un contenitore chiuso.

Adesso avete tutto pronto per assemblare la vegan cream tart:

adagiate il primo disco di pasta frolla sul piatto avendo cura di mettere due ciuffi di crema sotto per non far scivolare la cream tart. Cominciate a mettere ciuffi di crema al limone fino a coprire tutto il disco di pasta frolla, colate poi sui ciuffi la purea di lamponi e la pasta di pistacchio.

Appoggiate adesso il secondo disco di pasta frolla e copritelo con altri ciuffi di crema al limone. Potete fare al pistacchio la crema che vi rimane, vi basterà aggiungere la pasta di pistacchio alla crema al limone e mescolare bene.

Guarnite la vegan cream tart con lamponi freschi, pezzetti di croccante ai pistacchi, i fiorellini di pasta frolla e qualche ciuffo di crema al pistacchio.

La vegan cream tart si conserva il frigorifero per 2-3 giorni.

/ 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.