Pesto di portulaca con mandorle e semi di zucca

Il Pesto di portulaca con mandorle e semi di zucca è un gustoso e fresco condimento.

Speciale per primi piatti, ottimo per sfiziose bruschette.
La portulaca è una pianta di campo che cresce in tutto il luogo italiano da maggio ad inizio settembre.
E’ una verdura che solitamente viene consumata aggiungendo le sue tenere foglie carnose all’insalata di pomodoro ma in realtà si presta ad essere utilizzata in tante ricette.
Io la utilizzo per arricchire il minestrone, preparare frittelle croccanti per accompagnare l’aperitivo e da poco ho scoperto il pesto. Ottimo per condire un primo piatto e speciale per realizzare sfiziose bruschette.
E’ una pianta ricchissima di Omega tre e di vitamine A-B e C.
Ha azioni diuretiche depurative del sangue. Conosciuta e utilizzata già nell’epoca antica dei romani.

pesto di portulaca con mandorle e semi di zucca
  • DifficoltàMolto facile
  • CostoMedio
  • Tempo di preparazione20 Minuti
  • Tempo di cottura10 Minuti
  • Porzioni4
  • CucinaItaliana

Ingredienti

  • 1 mazzettoportulaca
  • 1 spicchioaglio
  • 10 gmandorle pelate
  • 10 gsemi di zucca
  • 1/2 cucchiainosale grosso
  • 40 mlolio extravergine d’oliva
  • 3 cucchiaipecorino grattugiato

Strumenti

  • Frullatore a immersione
  • Salsiera
  • Cucchiaio

Preparazione del Pesto di portulaca con mandorle e semi di zucca

  1. pesto di portulaca con mandorle e semi di zucca

    Raccogliete la portulaca in prati di campagna, lontano dalla strada dove passano le auto.

    Separate le cime e le foglie laterali dal fusto. Lavate bene il tutto. Fatele ben scolare.

    Inserite le foglie nel bicchiere del frullatore ad immersione, aggiungete lo spicchio di aglio, il sale, i semi di zucca e le mandorle non tostate ma private dalla pellicina marrone.

  2. pesto di portulaca con mandorle e semi di zucca

    Frullate e man mano aggiungete l’olio a filo. Frullate fino ad ottenere una crema morbida e fluida. Se serve versate altro olio. Se lo gradite potete aggiungere un pezzettino di peperoncino non troppo piccante perché secondo me ne altera troppo il sapore. Io non lo utilizzo.

    Aggiungete il formaggio pecorino e frullate ancora per qualche minuto.

    Travasate il pesto nella salsiera e portate in tavola accompagnato da crostoni di pane abbrustolito.

  3. NOTE:

    Potete utilizzare altra frutta secca di vostro gradimento tra: anacardi, noci, mandorle, nocciole, pistacchi

    Se li gradite potete aggiungere dei semi di girasole o altri tipi di semi.

    Conservare, in frigo per alcuni giorni, messo in un vasetto di vetro cosparso con un filo di olio extra vergine di oliva. Oppure congelato in piccole dosi. In questo caso il formaggio va aggiunto dopo averlo scongelato.

    Se lo possedete e se avete tempo potete usare, al posto del frullatore ad immersione il classico mortaio di marmo.

    Se troppo denso per condire la pasta diluitelo con qualche cucchiaiata di acqua di cottura della pasta.

Tante altre ricette troverete nel mio blog, Pane & Tulipani e se queste ricette sfiziose sono state di vostro gradimento e vorrete rimanere costantemente aggiornate seguitemi su Facebook Twitter

Per chiarimenti sulla ricetta o se volete darmi qualche consiglio, lasciatemi un messaggio, ti risponderò nel più breve tempo possibile. Sono ben graditi i like, se la ricetta è stata gradita.

E se cercate altri condimenti guardate qui, La mia raccolta di sughi e condimenti

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Pubblicato da vincenzina52

Saluti a tutti! Sono Vincenzina, Enza per gli amici. Ho 60 anni, 2 figli e tanta passione per la rielaborazione di ricette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.