Intervista con Beatrice “Il cucchiaio verde”

Sono qui’ con voi per presentarvi la nostra blogger e amica Beatrice Piselli,

fondatrice di un bellissimo blog, che vi invito a visitare “Il cucchiaio verde”

http://www.ilcucchiaioverde.com/

beatrice

 

cropped-cropped-Senza-titolo-3z-1-1

 

 

 

 

Vincitrice dei contest

1 posto  PIATTI FREDDI FINGER FOOD

e del terzo posto del contest

“A TUTTA FRUTTA E  VERDURA

beatrice

Sono davvero lieta di averla nostra  ospite e di poterle fare un po’ di domande,

insieme a Sandra, di l’officina delle ricette, con cui ho collaborato per  realizzare

le gare.http://blog.giallozafferano.it/lofficinadellericette/

Beatrice  propone ricette vegetariane e vegane, dimostrando

attraverso le sue foto e l’amore per questa cucina, tutta la bontà

di questi fantastici piatti anche ai più scettici..

Ma ora togliamoci un po’ di curiosità e iniziamo l’intervista

  1. B/S   Ciao Beatrice e benvenuta. Parlaci un po’ di te..

Beatrice   Mi chiamo Beatrice, ho 26 anni e sono una food blogger per passione.

2)  B/S Come nasce la tua passione per la cucina ?

Beatrice La mia passione per la cucina nasce quasi dal nulla, ho iniziato con il

riprodurre i piatti forti preparati dalla mia nonna, cercando di ricrearli buoni

come i suoi.

Poi sono passata alle ricette delle amiche e della mamma e poi non sono più stata

capace di fermarmi!

3) Sandra  Molto spesso, alcuni profumi e gusti ci riportano a dei ricordi, a me sovente

succede, soprattutto per quanto riguarda la cucina.Tu hai un piatto che ti fa questo

bellissimo effetto?

 Beatrice  I ricordi in cucina sono tutto. Ricordo ancora con grande gioia quando la nonna Carla

riuniva attorno ad un tavolo tutta la famiglia cucinando delle lasagne strepitose,

altissime e ricche di sapore. O la nonna Luigina preparava “la polenta alla maniera del Veneto”

e inondava le scale con un profumo favoloso. Il cibo unisce le persone ed è fantastico!

 Sandra Sono pienamente d’accordo con te. I profumi restano indelebili e fanno rivivere

anche  dei momenti bellissimi. Basta un attimo e ti ritrovi bambina.

4) Sandra   A che eta’ hai iniziato a cucinare?

Beatrice  Ho iniziato a cucinare a circa 18-19 anni, prima la cucina era off-limits!

5)  Sandra    Per chi ami cucinare?

Beatrice    Amo cucinare per tutti, perché per me è una grandissima dimostrazione

di affetto. Mi piace vedere  quando le persone apprezzano ciò che preparo e, ahime,

non amo le critiche, forse perché sono il giudice più  severo di me stessa.

6)  Sandra   Come nasce l’idea di creare il tuo blog?

Beatrice    L’idea di creare un blog nasce per caso. Avevo molto tempo e non sapevo

come impiegarlo, così  dalla pubblicazione occasionale sono passata ad una più “assidua”

ricercata. Inoltre è un ottimo modo per non perdere i fogliettini con le ricette!

7) Sandra  riesci a conciliare il lavoro di blogger con gli impegni di tutti i giorni?

Beatrice   Essere blogger ti permette di programmare. Puoi scattare qualche minuto prima

di gustare il piatto (o conservarne una porzione per scatti in tranquillità) e poi nel tempo

libero procedere alla stesura dell’articolo

8) Sandra  Cosa vuoi trasmettere ai tuoi lettori tramite ciò che scrivi e le foto ?

Beatrice    Ai miei lettori voglio far capire che è possibile realizzare piatto deliziosi anche

senza utilizzare carne o pesce. Voglio dimostrare che è più semplice di quanto si possa

pensare e che la tradizione italiana è ricca di piatti vegetariani favolosi.

9) Babet  Il lavoro di food blogger richiede pazienza,dedizione e come detto prima

anche tempo, per te qual è la cosa più difficile da realizzare: La ricetta, la descrizione

o le  foto?. Non so tu ma io prima di sceglie una foto ne scatto tremila ….

 Beatrice  Oh mamma. Ci vuole veramente molto tempo! La preparazione ovviamente

dipende dalla ricetta, ma lo scatto vuole il suo tempo, va allestito un set o quanto di più

simile ad esso, la luce deve essere giusta e poi si  passa per photoshop per togliere

qualche imperfezione. Infine si scrive, cercando di trasmettere emozioni ma  anche

cercando di essere il più possibili chiari: una cosa che per noi è scontata, potrebbe

non esserlo per il lettore.  Anch’io scatto un sacco di foto, sposto avanti, indietro, aggiungo,

 tolgo e poi magari non la pubblico  perché non mi piace! La cosa più difficile è senza dubbio

presentare il piatto per lo scatto, perché è solo la vista  che ti permette di giudicare,

non il gusto o l’olfatto

10) Babet Un piatto che in un blog non dovrebbe mai mancare?

Beatrice La pizza! Dai siamo in Italia e ci deve essere!

11) Babet  Se tu fossi un piatto, che piatto saresti e a quale brano musicale  lo abbineresti?

Beatrice  Ma che domanda originale, non ci avevo proprio pensato, ma credo qualcosa

di semplice ma goloso, magari una pizza giusto per essere coerente, ma con le patatine!

12) Babet  Quali sono i tuoi progetti per il futuro ?

Beatrice  In futuro voglio continuare a crescere come food blogger, imparare tutto ciò che c’è

da sapere e  assaggiare e provare abbinamenti nuovi.

13) Babet  Ultima domanda ma molto  importante.Cosa consigli a chi vuole intraprendere

 la tua stessa strada?

Beatrice   PASSIONE, è questa che muove tutto. Se ti piace lo fai, anche a costo di farti prendere

per pazza quando qualcuno sta per assaggiare un piatto che non hai ancora fotografato.

                                                         B/S      

Grazie mille per essere stata con noi. Speriamo di riaverti presto nostra ospite,  mia e di Sandra

per  altre  interviste e ricette. Complimenti ancora per il tuo stupendo blog

beatrice34

 

Precedente Penne con crema di peperoni e robiola Successivo Intervista con Ana Amalia "Non solo le torte di Anna "

6 commenti su “Intervista con Beatrice “Il cucchiaio verde”

  1. Ma che bella intervista! Mi fa piacere vedere che, più o meno, abbiamo cominciato tutti nello stesso modo, la passione per la cucina e la voglia di ricreare piatti che ci hanno deliziato da piccoli, per poi progredire verso interessi più specifici. E’ una cosa che mi fa molto piacere.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.