Crea sito

Brioche all’uvetta e mandorle con lm

Brioche all’uvetta e mandorle con lm

Brioche all’uvetta e mandorle con lm, vi state preparando per il Natale, ottobre e quasi passato, quindi io già mi sto rimboccando le maniche e comincio a testare tutti i tipi di dolci e pietanze per il fatitico giorno. Come questa sofficissima brioche, che ho voluto provare grazie alla ricetta di una blogger Paoletta, del blog ” Anice&Cannella ” lei prepara dei lievitati da urlo, è quando c’e un evento organizzato da Cristina DiEcucinando, io ci partecipo quasi sempre. Questa è una brioche che fara gola a molti, non solo per la sua sofficità e morbidezza, soprattutto perchè sembra di stare a mangiare un panettone, l’impasto è molto simile,  la pasta e profumata, umida, proprio come il panettone …poi è fatta in casa quindi a tutto un suo perchè. <3

INGREDIENTI
150 gr di lievito madre (in sostituzione fate una biga 12 ore prima con 100 gr di manitoba, 50 gr di acqua e 1,5 gr di lievito di birra fresco, lasciata fermentare a 18°)
380 gr di farina W330/350 (in alternativa manitoba del supermercato)
125 gr di latte
65 gr di acqua
120 gr di zucchero
100 gr di burro
1 uovo
1 tuorlo
8 gr di lievito di birra fresco
5 gr di sale
1 cucchiaio di rhum (io moscato)
1 cucchiaino di estratto di vaniglia home-made (in alternativa i semini di una bacca)
la buccia di un’arancia grattugiata ( io buccia mandarino )

200 gr di uvetta
pinoli (io mandorle )
1 albume

Procedimento

Mettere in ammollo l’uvetta in acqua tiepida con qualche cucchiaio di moscato.
Sciogliere nella planetaria il lievito madre (rinfrescato due volte) o la biga a pezzettini, nell’acqua e latte, usando la foglia.
Aggiungere il lievito di birra sbriciolato, e tanta farina, presa dal totale, quanto basta per ottenere un impasto morbido, amalgamare. Unire un tuorlo, 30 gr di zucchero e subito dopo un po’ di farina quanta ne serve per ridare all’impasto una consistenza morbida.
Ad assorbimento di uovo e zucchero, proseguire con l’altro tuorlo, 40 gr di zucchero e ancora un po’ di farina.
Continuare con l’albume rimasto, 50 gr di zucchero, il sale aggiungendo poca alla volta tutta la farina riservandone un cucchiaio.
Incordare l’impasto con la foglia.
Dividere il burro in tre parti e aggiungerlo in tre riprese, la seconda ad assorbimento della prima parte e così via.
Unire il rhum poco alla volta, la buccia grattugiata dell’arancia e la vaniglia. Ad assorbimento unire la farina rimasta ed incordare l’impasto.
Togliere la foglia e usare il gancio per inserire l’uvetta ben strizzata e asciugata. Quando questa sarà ben distribuita, avrete due strade:
1. formare una palla con l’impasto, metterlo in un contenitore, coprirlo con pellicola e lasciarlo in frigo circa 8 ore. In questo caso tirarlo fuori al mattino, e lasciarlo a temperatura ambiente circa 1 ora e mezza prima di proseguire.
2. lasciar puntare l’impasto 1 ora in un contenitore coperto da pellicola, poi spezzare in due pezzi uguali (pesarli!) avvolgerli (una sola volta) con i pollici senza serrare troppo, il Maestro spiega qui, attendere 10′ allungare i due pezzi, avvolgerli tra loro a formare un treccione.
Imburrare uno stampo antiaderente da plumcake da 30 x 10,5 cm. adagiarvi il treccione e coprire con pellicola. Attendere che superi il bordo di due dita circa, spennellare con un albume, decorare con pinoli e infornare a 200° per i primi 15′, coprire con un foglio di alluminio se la superficie si è ben dorata e proseguire la cottura a 170° per altri 35’/40′.
Fare la prova stecchino al centro, deve uscire asciutto e non deve trovare resistenza quando si infila.



1 thought on “Brioche all’uvetta e mandorle con lm”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.