Crea sito

Tarassaco o dente di leone

Tarassaco o dente di leone
Tarassaco o dente di leone

 

 

 

 

 

 

 

 

Tarassaco o dente di leone

Verdure di campo, forse la più nota soprattutto per via dei suoi bei grandi fiori gialli che, si trasformano in una soffice palla di semi, chiamata soffione…basta un soffio che volano per aria tantissimi semi…

Tarassaco o dente di leone.2

 

 

 

 

 

 

 

Il suo nome ha origine antichissime, sia greche che persiane.

Cresce in abbondanza in tutto il territorio italiano, in primavera ma la si può trovare sino all’inverno inoltrato…

Tutta la pianta viene racconta per le sue innumerevoli proprietà

Contiene inulina, tannino, zucchero e mucillagine.

In medicina viene usato per le sue proprietà toniche, depurative e lassative.

Stimola le funzioni epatiche e la digestione.

Le sue proprietà depurative ne fanno un ottimo rimedio contro i disturbi del fegato.

E’ un eccellente diuretico e un buon lassativo ed il suo uso è consigliato ai diabetici con l’invito di masticarne i gambi crudi, soprattutto in primavera..

Per il suo effetto depurativo viene impiegata in cosmesi per realizzare maschere e creme. Anche facili da realizzare in casa…

Qui di seguito alcune spiegazioni

Creme – Bollire tutta la pianta, frullare riducendo a crema e applicare fredda sul viso. Le sue funzioni agiscono contro gli eczemi, foruncoli, lentiggini e su tutti i tipi di pelle.

Decotti – Si prepara anche un decotto casalingo: bollire in un litro di acqua 25 g. di foglie e 25 g. di radici pulite. Lasciar riposare per 20 minuti. Filtrare e bere durante la giornata, dolcificare se si preferisce, con del miele.

Vino – Si prepara facendo macerare per 1 settimana 50 g. di radici essiccate e tritate in un litro do ottimo vino bianco secco. Filtrare e berne un bicchierino, tipo il rosolio dei nostri nonni, prima di ogni pasto.

Infusi – Si prepara con le foglie essiccate. Sminuzzarle tra le mani e metterne 4 cucchiai   in un litro di acqua bollente. Lasciar riposare e raffreddare. Dolcificare con miele se non piace e berne una tazza prima dei pasti

 

Usata in cucina, cosmesi e medicina in campo terapeutico.

Pianta ricercata da intenditori poiché è una delle migliori verdure da portare sulla tavola. Viene anche coltivato…ma nessun paragone con quello spontaneo che cresce nei nostri prati.

Le piccole e tenere foglie centrali si consumano crude per arricchire una insalata mista.

La pianta viene usata per preparare della verdura lessata che poi si consuma così condita con un semplice filo di ottimo olio. Lo stesso brodo ne acquista tutte le proprietà e va bevuto.

I fiori…beh coi fiori si realizzano tanti piatti.

Tarassaco o dente di leone.3

 

 

 

 

 

 

 

Si possono mettere sotto sale intanto che sono dei piccoli boccioli per poi essere usati al pari dei capperi. Con i fiori gialli si possono aromatizzare vini ed aceti. Ancora oggi in Jugoslavia viene preparato un ottimo vino.

Se ne ricavano anche sciroppi, io stessa li ho preparati, che poi uso anche per la preparazione di dolci. Inoltre può essere usato al pari del miele e dolcificare il caffè.

Dai fiori si può ottenere anche un colorante alimentare.

Il suo gusto amarognolo predispone il nostro organismo alla digestione, è da preferire come contorno per accompagnare arrosti.

Tanti piatti ho realizzato con il tarassaco, detto anche cicoria (erroneamente però) Qui ne riporto il titolo che, se ci cliccate sopra, vi porta direttamente alla relativa ricetta.

Ne arriveranno altre e terrò questa pagina sempre aggiornata…

Che dirvi ancora, imparate e riconoscerla e poi via, a cercarla nei prati…I fiori piacciono così tanto anche alle api…

Tarassaco o dente di leone.4

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Sfiziosa – Sciroppo di tarassaco

Dolce – Mandorle al caramello di tarassaco

Primo – Casoncelli con cicoria e ricotta

Secondo – Cicoria pratense con uova e sottilette

Dolce – Cheescake di riso con crema al tarassaco

 

Se questa pagina è stata di vostro gradimento e vorrete rimanere costantemente aggiornate seguitemi su Facebook Twitter

Pubblicato da vincenzina52

Saluti a tutti! Sono Vincenzina, Enza per gli amici. Ho 60 anni, 2 figli e tanta passione per la rielaborazione di ricette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.