Crea sito

Panzerotti stracciatella e capocollo di Martina Franca

Panzerotti stracciatella e capocollo di Martina Franca

questa ricetta dei Panzerotti stracciatella e capocollo di Martina Franca  è della mia amica Mariachiara del blog  VANIGLIA BOURBON scritta e fotografata da lei, una Puglieser Dok … grazie mille per questo regalo <3

I panzerotti pugliesi sono un #must sulla tavola pugliese. 
Di ricette e ripieni ne è piena la Puglia (variano in base alle zone, addirittura alle tradizioni di famiglia) ma stasera vi presento i miei panzerotti pugliesi con stracciatella e capocollo di Martina Franca, salume che possiede il presidio Slow Food. 

Come gustare la Puglia in un morso 😉 

In seguito ingredienti e procedimento step by step dei panzerotti pugliesi con stracciatella e capocollo! 

Ingredienti 
(per 36 panzerotti piccoli) 

650 gr di farina tipo 1 o 2 
350 gr di semola rimacinata 
250 ml di acqua 
250 ml di birra 
25 gr di lievito di birra fresco 
20 di sale fino 
5 gr di zucchero 
60 ml di olio evo 

Per il ripieno

Stracciatella q.b. 
Capocollo di Martina Franca q.b.

 

Procedimento 

  • In una ciotolina porre l’acqua tiepida e scioglierci il lievito e lo zucchero; 
  • In una ciotola capiente o su una spianatoia, miscelare le due farine, creare una fontana al centro e versare l’acqua dove abbiamo sciolto il lievito e la birra;
  • Impastare fino ad assorbimento; 
  • Addizionare il sale, l’olio e lavorare fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo; 
  • Dividerlo quindi in tante palline da 40 gr l’una; 
  • Sistemare su delle placche ricoperte di carta da forno le palline ben pirlate, coprire con della pellicola e lasciar lievitare fino al raddoppio a 50° in forno ventilato (saranno necessarie circa un paio d’ore);
  • Successivamente stendere le palline con un mattarello, farcirle con il capocollo e la stracciatella;
  • Sigillare i lati ripiegandoli su se stessi e pigiando con i polpastrelli; 
  • Friggere in olio ben caldo (165°-170°); 
  • Scolare su carta assorbente e servire! 

Nota Bene 

  • Se preferireste utilizzare meno lievito basterà dimezzarlo e raddoppiare il tempo di lievitazione;
  • Per chiudere al meglio i panzerotti ed evitare che si aprino in cottura, è necessario NON utilizzare la farina per stendere l’impasto e NON aggiungere nè acqua nè tantomeno uovo. 

Se avete domande, curiosità o altre varianti, lasciateci un commento :) 

Che la Puglia vi sia sempre a portata di mano!