Timballo alla genovese

Timballo alla genovese

Il timballo alla  genovese è piatto  tipico della tradizione campana, il sugo alla genovese si ottiene dalla cottura lentissima di cipolle e carne,necessita di gran cura e termina quando il sugo in cottura diventa denso e di colore marroncino. Il procedimento per la preparazione del sugo è lungo, ma vale la pena .Se non conoscete questa specialità dovete provare la ricetta, e se vi piacciono le cipolle ne resterete conquistati al primo assaggio.

DIFFICOLTÀ:
2/5
REPERIBILITÀ ALIMENTI
: 1/5
TEMPO DI REALIZZAZIONE:
3 ore
TEMPO DI COTTURA:
2 ore e 20 minuti

Timballo alla genovese


Per la genovese:

1 ½ kg di manzo (primo taglio o lacerto) in un unico pezzo
2 ½ kg di cipolle ramate
un gambo piccolo di sedano
una carota media
un bicchiere di vino bianco
pomodori pelati
olio extravergine d’oliva q.b.
acqua q.b.
sale
Per il timballo:
500 g di pappardelle o fettuccine
150 g di parmigiano grattugiato
200 g di provola affumicata
200 g di prosciutto cotto
pepe (facoltativo)

1 Fate rosolare in olio extravergine d’oliva, in un tegame alto preferibilmente di coccio, il trito di sedano e carota e la carne, in modo tale che questa ceda un po’ dei suoi liquidi. Sfumate con un po’ di vino bianco e lasciate andare a fuoco moderato per qualche minuto.

 2 Coprite la carne con le cipolle che avrete precedentemente tagliato
finemente, aggiungete un po’ d’acqua, in quantità sufficiente a
raggiungere il livello delle cipolle senza coprirle, il sale e poco pomodoro, quel tanto che  serve per colorare il sugo.

3 Coprite e fate cuocere a fuoco basso mescolando di tanto in tanto, fino a che il sugo non inizia a diventare più denso, a quel punto dovrete prestare più attenzione alla cottura, proprio come si fa con il ragù.

 4 La cottura della genovese è difficile da stabilire, i tempi sono lunghi e può variare dalla due alle tre ore. Per aiutarvi a capire se la genovese è cotta, dovete osservare la consistenza del sugo che dovrà essere denso e le cipolle dovranno assumere un colore ambrato.
5 Trascorso il tempo di cottura avrete ottenuto un sugo  quasi cremoso e di colore marroncino. Tagliate a fette grandi la carne: se risulta asciutta vuol dire che è cotta alla perfezione, perché tutto il sapore è nel sugo.
6 La carne sarà servita come seconda portata, tagliata a fette e condita con il sugo della genovese.
Preparazione del timballo:
1 Portate a bollore l’acqua per la pasta, cuocete la pasta al dente, scolatela e trasferitela in un recipiente. Tagliate a pezzettini piccoli la provola e il prosciutto cotto.

2 Procedete alla composizione del timballo: realizzate in una teglia antiaderente uno strato di pasta, conditela con abbondante sugo. Aggiungete la provola, il prosciutto, il formaggio grattugiato e un po’ di pepe se piace.

3  Continuate fino ad esaurimento della pasta e infornate a 180°C per 20 minuti. Cotto il timballo, lasciatelo riposare per qualche minuto, poi capovolgetelo sul piatto di portata, condite la superficie con un altro po’ di sugo e servite.

Il consiglio: Potete gustare il sugo alla genovese anche come condimento in un piatto di pasta che servirete aggiungendo parmigiano e pepe a piacere.

Se ti piace il mio blog e vuoi rimanere aggiornato con le prossime ricette puoi cliccare mi piace sulla mia pagina di Facebook o iscriverti alla mia newsletter.
Grazie per la visita!

(Visited 3.775 times, 1 visits today)

2 commenti su “Timballo alla genovese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.