Crea sito

Caranciuli e purciddhruzzi salentini

Preparare i “caranciuli” e i “purcidduzzi” nel periodo natalizio è una tradizione irrinunciabile per me…mi fa tornare alla mia infanzia, quando insieme alla mia mamma e alle mie sorelle ci divertivamo a farli insieme, tutte intorno al tavolo della cucina, accanto al camino acceso. Ricordo che mi piaceva mangiarli appena fritti, senza il miele, friabili e croccanti.Ogni famiglia ha la sua ricetta più o meno segreta 🙂 questa è la migliore che io ho provato, dal sapore speziato di anice e cannella, con un sentore di arancia e una nota croccante di mandorle tostate. I purcizzuzzi vengono fatti con il sistema degli gnocchi di patate, mentre i caranciuli anticamente, dopo aver fatto un rotolino sottile di pasta, venivano avvolti a spirale intorno al fuso che serviva per filare la lana e dopo ripassati su un cesto di vimini rotolandoli con il palmo della mano.CARANCIULI E PURCIDDUZZI SALENTINI

Caranciuli e purciddhruzzi salentini

INGREDIENTI:

  •  580 g di farina 00
  • 50 g di olio extravergine d’oliva
  • la scorza di un’arancia intera non trattata
  • 120 g di liquore anice Mistrà
  • 1/2 cucchiaino di sale fino
  • un pizzico di cannella in polvere
  • succo d’arancia qb.
  • olio d’oliva per friggere

PER LA MIELATURA:

  •  150 g di zucchero semolato
  • 100 g di acqua
  • 200 g di miele d’arancia o millefiori
  • 1 fialetta di aroma arancia

PER DECORARE:

  • codette o zuccherini colorati
  • scorzette d’arancia candita
  • mandorle a filetti o a lamelle leggermente tostate
  • pinoli

PREPARAZIONE:

Scaldate appena appena l’olio (pesato in grammi alla bilancia) in un pentolino a fiamma bassissima insieme alla scorza di un’arancia senza farlo friggere,deve solo “sfumare” e prendere l’aroma del frutto.Setacciare in una ciotola la farina, unitevi l’olio aromatizzato e intiepidito e con il palmo delle mani sfregatela,facendolo assorbire,dovrà formarsi un impasto sabbioso.Unite il liquore all’anice,una spruzzata di cannella,e impastate il tutto con del succo di arancia spremuto in cui avrete sciolto il sale,io ne ho usate un paio,ma questo dipende dalla grandezza delle arance e dall’assorbenza della farina.Versate l’impasto sulla spianatoia e lavoratelo bene con le mani: il risultato sarà un impasto morbido ma consistente, formate una palla che lascerete riposare per una mezz’ora coperto con un canovaccio sulla spianatoia.Ora per i “purcidduzzi” dovrete formare dei rotolini di pasta spessi un dito,come si fa per gli gnocchi, e passarli sulla grattugia scavandoli un po’ cosi’ raccoglieranno meglio il miele.Questa pasta tende un po’ a sbriciolarsi per via dell’olio in essa contenuta,per aiutarvi a stenderla,inumidite spesso le mani o la spianatoia 😉 CARANCIULI E PURCIDDUZZI SALENTINI
Un trucchetto per velocizzare questa operazione è quello di fare una sfoglia spessa con il mattarello e tagliarla a strisce che poi assottiglierete con il palmo delle mani.Per fare i caranciuli” invece,l’operazione è un po’ più complessa,bisogna fare un rotolino sottile  della lunghezza di circa 30 centimetri circa e attorcigliarlo a spirale,partendo dal basso, intorno al manico di un cucchiaio di legno ( il fuso purtroppo non c’è l’ho 🙂 ) poi va rollato sulla spianatoia per fissare il tutto e sfilato da manico del cucchiaio delicatamente.CARANCIULI E PURCIDDUZZI SALENTINI
Io uso fare una sfoglia sottile con un po’ di impasto,con la macchinetta della pasta, e con dei taglia biscotti natalizi ricavo delle formine che poi sistemo in cima come decorazione .CARANCIULI E PURCIDDUZZI SALENTINI
Una volta terminate tutte le forme friggeteli in abbondante olio di oliva, poneteli su carta assorbente da cucina e fateli  raffreddare.Adesso preparate la “mielatura” facendo bollire lo zucchero semolato in una pentola larga per alcuni minuti,fino ad ottenere uno sciroppo un po’ denso (118° se avete un termometro) unite il miele e alcune gocce di aroma d’arancia (questa è una mia personale aggiunta) tuffateci dentro i purcidduzzi e i caranciuli un po’ alla volta,raccogliendoli con una schiumarola e sistemandoli in un piatto da portata,terminando con le formine natalizie e decorando come più  vi piace con mandorle pinoli zuccherini ecc…CARANCIULI E PURCIDDUZZI SALENTINI
Piaciuta questa ricetta? Seguimi sui Social Network

Non perdere nessuna delle mie ricette,clicca sulle icone e seguimi sui miei canali social.
   

2 Risposte a “Caranciuli e purciddhruzzi salentini”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

↓