Spaghetti ai frutti di mare

Spaghetti ai frutti di mare che bontà, i frutti di mare sono i crostacei ed i molluschi, io preparo questo piatto con pesce già pulito, tagliato e surgelato, si può fare con pesce fresco ovviamente dopo accurata preparazione.

Spaghetti ai frutti di mare

Se volete utilizzare il pesce fresco dovete acquistare 150 gr di pesce a persona, pulirlo e tagliarlo a pezzi. E’ anche possibile acquistare il pesce fresco per risotti già pulito e tagliato ma non surgelato, oppure quello surgelato, con entrambe queste soluzioni in pochissimo tempo cucinerete degli ottimi spaghetti ai frutti di mare.Spaghetti ai frutti di mare

Spaghetti ai frutti di mare

Per 2 porzioni:

300 gr. di frutti di mare tagliati a pezzi

2 spicchi d’aglio

2 pomodori da sugo

160 gr di spaghetti o bucatini

Un mazzetto di prezzemolo tritato

Fumetto di pesce  o brodo granulare di pesce Knorr q.b.

Olio d’oliva q.b.

1 cucchiaio di farina,

Sale q.b.

Per preparare gli spaghetti ai frutti di mare, tagliate a dadini i pomodori, in una padella molto ampia fate soffriggere l’aglio con poco olio d’oliva, aggiungete i frutti di mare ed i pomodori,  soffriggete brevemente, salate poi aggiungete gli spaghetti, un pò di prezzemolo tritato e coprite completamente col fumetto di pesce oppure con acqua bollente ed un cucchiaio di brodo granulare al pesce, la pasta si deve cuocere insieme al pesce per assorbirne tutto il sapore, è questo il metodo della risottatura, mescolate ogni tanto e quando il liquido si ritira aggiungetene un mestolo.

Cuocete la pasta  al dente  e quando ha raggiunto tale grado di cottura e rimane poco liquido nella padella, toglietela dal fuoco, aggiungete un cucchiaio di farina e mescolate, questo è il trucco suggerito anche dai venditori di pesce per far venire una salsetta cremosa che avvolgerà la pasta.

Rimettete la padella sul fuoco e fate addensare. Servite guarnendo il piatto con un po’ di prezzemolo tritato.

 

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Riso con verdure al curry Successivo Spaghetti alla carlofortina

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.