Risotto alla zucca

Il risotto alla zucca, cremosissimo, è di una bontà eccezionale, è d’obbligo a ottobre e novembre nella breve parentesi di Halloween, per un pranzo gustoso.

Il risotto alla zucca è uno dei miei preferiti, mi piace tantissimo la sua cremosità e il sapore molto spiccato, è un vero peccato che la zucca sia disponibile solo a ottobre e novembre. Per prepararlo occorrono davvero pochi ingredienti. Il procedimento è analogo a quello della preparazione della maggior parte dei risotti, io non aggiungo parmigiano perché questo risotto ha già un sapore molto ricco e non ha bisogno di ulteriori insaporitori, inoltre il parmigiano coprirebbe un po’ il sapore caratteristico di questo risotto che per la sua bontà non sfigurerà certo accanto a piatti molto più elaborati.

 

Risotto alla zucca

Per 2 persone:

200 grammi di riso per risotti

250 gr di zucca

1/2 bicchiere di vino bianco

1/2 cipolla

1 noce di burro

1/2 litro di brodo di carne, oppure di acqua calda ed 1 dado da brodo

olio d’oliva q.b.

sale q.b.

Risotto alla zucca

 

Per preparare il risotto alla zucca tagliate la zucca in cubetti piccoli, affettate sottilmente la cipolla e mettetela a soffriggere in poco olio d’oliva, poi aggiungete la zucca e cuocete a fuoco dolce fino a che la zucca comincia ad ammorbidirsi, salate un poco. Trasferite il  tutto nel frullatore e frullate fino ad ottenere una crema omogenea. Nel tegame dove avete cotto la zucca fate tostare il riso 2 minuti, sfumate col vino bianco e, quando è evaporato versatevi la crema di zucca. Mescolate bene e poi aggiungete un po’ di brodo caldo, se non lo avete mettete l’acqua calda e buttate nel risotto un dado da brodo. Portate a cottura il riso mescolando spesso ed aggiungendo brodo man mano che il riso lo assorbe, aggiustate eventualmente di sale. A cottura ultimata mantecate con il burro.

 

Print Friendly, PDF & Email
Precedente Minestra ai peperoni Successivo Involtini di verza

14 commenti su “Risotto alla zucca

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.