Peperoni ripieni alla pugliese

Print Friendly, PDF & Email

I peperoni ripieni alla pugliese sono stati una deliziosa scoperta, li ho trovati su un vecchio libro di ricette, un classico della cucina tradizionale italiana e presentato da Luigi Veronelli, Millericette edito da Garzanti, il libro si trova ancora in vendita.

Peperoni ripieni alla pugliese

La ricetta originale prevede le acciughe salate, io che volevo fare un antipasto ho scelto un ripieno più leggero da gratinare ed ho usato le alici sott’olio, alici ed acciughe sono lo stesso pesce ma le alici sono dei filetti sottili messi sott’olio, in pratica quelli usati nella pizza, le acciughe sotto sale invece sono l’intero pesce conservato in salamoia.

Per un antipasto i peperoni devono essere tagliati per il lungo e sostituite le acciughe con le alici, ideali sono i peperoni a cornetto; invece per un secondo o contorno è bene che i peperoni siano ben ripieni quindi meglio scegliere le acciughe sotto sale.

Peperoni ripieni alla pugliese

 

Peperoni ripieni alla pugliese

8 Peperoni medi (per i peperoni ripieni)

8 Peperoni a cornetto (per i peperoni gratinati)

3 Acciughe salate (per i peperoni ripieni)

5 Alici sott’olio (per i peperoni gratinati)

3 cucchiai d’Olio d’oliva

25 gr di Capperi

6 cucchiai di Pangrattato

2 spicchi d’Aglio

Sale q.b.

Prezzemolo q.b.

Per preparare i peperoni ripieni alla pugliese lavate i peperoni, tagliateli per il lungo se volete farli gratinati, levate la calotta superiore con il picciolo se volete farli ripieni, togliete i semi.

Preparate il ripieno con metà olio, il pangrattato il prezzemolo tritato con l’aglio, le acciughe lavate, spinate e tagliate a pezzetti (per i peperoni gratinati tagliate a pezzetti le alici) ed i capperi tritati, regolate di sale.

Riempite i peperoni e poneteli in una pirofila con un po’ d’olio ed un dito d’acqua, cospargeteli con l’olio rimasto e metteteli al forno pre-riscaldato a 180° per circa un’ora.

 

 

Precedente Torta allo zenzero

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.